Simone Inzaghi (Ansa)
Simone Inzaghi (Ansa)

Roma, 11 gennaio 2020 - E' il solito Ciro Immobile il protagonista della decima vittoria di fila della Lazio, un traguardo storico che consente a Simone Inzaghi anche di abbattere il tabù Napoli. Piove invece sul bagnato per gli azzurri, che si fanno male sull'asse Ospina-Di Lorenzo: il portiere sbaglia un dribbling al cospetto del capocannoniere del campionato e il difensore pasticcia sulla linea. La migliore fotografia di un girone di andata nero per i campani, che invece diventa a tinte molto più rosee per i biancocelesti, più che mai cinici e spietati.

Lazio-Napoli 1-0, rivivi la diretta del match

Serie A, i match di oggi

FINALE IN CRESCENDO - La prima parte della frazione iniziale è all'insegna dell'equilibrio, rotto al 28' da una punizione guadagnata e calciata da Insigne: Strakosha è attento e alza la sfera sopra la traversa. In una partita piuttosto chiusa spicca a più riprese l'intraprendenza di Allan: un esempio arriva al 33', quando il brasiliano salta tutto il centrocampo della Lazio e, arrivato sulla trequarti, esplode un destro che ha la forza ma non la precisione. I biancocelesti replicano al 43' con una gran trama aperta da Luis Alberto, con la palla che arriva a Caicedo, che a sua volta serve Immobile: il capitano scarica per Milinkovic-Savic, che dalla distanza impegna Ospina in due tempi. Il serbo ci riprova poco dopo su un errore in uscita di Mario Rui: il tiro schiacciato del numero 21 trova il salvataggio sulla linea di Di Lorenzo.

DISASTRO OSPINA - Superata la fase di sofferenza negli ultimi minuti del primo tempo, il Napoli rientra dallo spogliatoio con più coraggio, pur prestando spesso il fianco alle ripartenze della Lazio. Il match resta tuttavia sui binari di un sostanziale equilibrio che Inzaghi prova a spezzare con la prima sostituzione: fuori Caicedo e dentro Cataldi. La scossa arriva, sì, ma sul fronte azzurro: è il 68' e Zielinski penetra in area da sinistra ed esplode un destro a giro respinto dal palo. Al 76' sono invece i guantoni di Strakosha a stoppare il destro a incrociare di Insigne. Tutto sembra remare verso un risultato positivo per il Napoli, che all'82', come spesso successo in stagione, si fa male da solo: Ospina si fa scippare la sfera da Immobile, che non perde tempo e mira alla porta, sulla cui linea è appostato Di Lorenzo che a sua volta pasticcia. La replica degli ospiti arriva con una botta da fuori di Milik, respinta da Strakosha, che poi si ripete sulla volée di Insigne. Sul ribaltamento Ospina salva sul diagonale di Immobile: è però troppo tardi per farsi perdonare.



Serie A, la classifica

Tabellino

Lazio (3-5-2): Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Radu; Lazzari, Milinkovic-Savic, Leiva (36' st Berisha), Luis Alberto (45' Jony), Lulic; Caicedo (19' st Cataldi), Immobile. In panchina: Proto, Guerrieri, Bastos, Patric, Silva, Andrè Anderson, Adekanye. Allenatore: Inzaghi. 

Napoli (4-3-3): Ospina; Hysaj, Manolas, Di Lorenzo, Mario Rui, Allan (39' st Llorente), Fabian Ruiz, Zielinski; Callejon (43' st Elmas), Milik, Insigne (46' st Lozano). In panchina: Karnezis, Daniele, Luperto, Tonelli, Gaetano. Allenatore: Gattuso. 

Arbitro: Orsato di Schio. 

Reti: 37' st Immobile. Note: serata serena, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Lazzari, Manolas, Lulic, Mario Rui. Angoli: 6-6. Recupero: 2' pt, 3' st.