Insigne porta in vantaggio il Napoli (Lapresse)
Insigne porta in vantaggio il Napoli (Lapresse)

Roma, 18 agosto 2018 – Se l'era Sarri era cominciata con una sconfitta, quella Ancelotti inizia nel segno di una vittoria molto importante a spese di una Lazio la cui prestazione può essere riassunta nella gemma di Immobile che aveva illuso l'Olimpico. Poi solo Napoli che, grazie ai gol di Milik e Insigne (uscito poi per infortunio) risponde subito alla Juventus.

Lazio-Napoli 1-2, rivivi la diretta

La classifica aggiornata

SFIDA TRA BOMBER - Inzaghi, privo degli squalificati Lucas Leiva, Lulic e Patric, riparte da Luis Alberto a rimorchio di Immobile. Ancelotti, al debutto ufficiale sulla panchina del Napoli, sceglie il 4-3-3 con Milik al centro del tridente completato da Insigne e Callejon. A partire meglio sono i padroni di casa, ma il primo tentativo è firmato Insigne, che ci prova dalla trequarti senza la giusta mira. Molto più pericoloso il mancino a giro di Zielinski scoccato al 19', che sibila di poco alla destra di Strakosha. La Lazio risponde sull'asse Immobile-Luis Alberto: il numero 17 serve a rimorchio lo spagnolo, che di prima sciupa. Al 24' Koulibaly guida una ripartenza che per poco non si risolve nel gol di Hysaj, la cui deviazione è quasi letale per Strakosha. Letale è invece poco dopo l'assist di Acerbi per Immobile, che con una finta disorienta 3 difensori partenopei e punisce Karnezis. La risposta del Napoli arriva al 36', quando Insigne si fa largo sulla sinistra e conclude malamente. Al 39' è la traversa a dire no a Zielinski dopo che il suo mancino dalla distanza era stato reso quasi letale per Strakosha da una deviazione. Il pareggio però è nell'aria e al 42' grazie al tap-in di Milik su sviluppo di un corner: tutto vano perché il VAR annulla per fallo di Koulibaly su Radu. In pieno recupero il duello si ripete: Strakosha prima è bravo sul mancino ravvicinato di Milik, ma poi cade proprio per mano del polacco, innescato dal classico asse Insigne-Callejon.

POLEMICA / Volantino ultras Lazio: "Donne dopo la fila 10, la curva è sacra"

ARRIVA IL SORPASSO - Ad accendere l'alba della ripresa sono i protagonisti della prima frazione: apre il mancino di poco largo di Milik, seguito dall'errore da due passi di Immobile sugli sviluppi di un corner. Gol sbagliato, gol subito: a siglare il sorpasso del Napoli è Insigne, autore di una grande conclusione al volo sul palo lontano. I ritmi calano nettamente al punto che da segnalare ci sono solo un palo di Acerbi da calcio d'angolo e l'infortunio al ginocchio di Insigne che tuttavia sembra una semplice contusione. Ottima notizia per un Napoli che riparte dall'usato sicuro, in attesa di scoprire le novità tattiche firmate Ancelotti.

Tabellino e pagelle

LAZIO (3-5-2): Strakosha 6; Luiz Felipe 5.5 (1'st Bastos 6), Acerbi 6, Radu 5; Marusic 5, Parolo 6 (43'st Cataldi sv), Badelj 5 (23'st Correa 6), Milinkovic-Savic 5.5, Caceres 5.5; Luis Alberto 5, Immobile 6.5. In panchina: Proto, Guerrieri, Wallace, Durmisi, Basta, Murgia, Jordao, Rossi, Caicedo. Allenatore: Inzaghi 5.5 

NAPOLI (4-3-3): Karnezis 6; Hysaj 6, Albiol 5.5, Koulibaly 5.5, Mario Rui 6; Allan 7, Hamsik 6 (25'st Diawara 6), Zielinski 6.5 (40' st Rog sv); Callejon 6.5, Milik 7, Insigne 7 (31'st Mertens 5.5). In panchina: Ospina, Marfella, Luperto, Maksimovic, Chiriches, Malcuit, Fabian Ruiz, Rog, Ounas, Verdi. Allenatore: Ancelotti 6.5 

ARBITRO: Banti di Livorno 5

RETI: 25'pt Immobile, 47'pt Milik; 14'st Insigne. NOTE: serata serena, terreno in ottime condizioni. Spettatori 35mila circa. Angoli: 7-4 per il Napoli. Recupero: 3'; 4'.