Badelj tornerà alla Lazio ma non per restare (Ansa)
Badelj tornerà alla Lazio ma non per restare (Ansa)

Roma, 9 agosto 2020 - La Lazio si prepara a costruire la squadra della prossima stagione, quella che per la prima volta dopo 13 anni giocherà i gironi di Champions League. Fondamentale costruire una rosa con una panchina lunga per poter gestire i ritmi di una stagione che sarà ricca di impegni cruciale e in tal senso andranno gestite al meglio alcune situazioni sul mercato. I primi a rientrare dal prestito saranno Milan Badelj e Wallace, possibili soluzioni alternative per Inzaghi nella prossima stagione anche se difficilmente si vestiranno di biancoceleste.

Il centrocampista croato non è stato riscattato dalla Fiorentina dopo il suo ritorno in viola, che non ha portato i risultati sperati tanto da vederlo utilizzato pochissimo, in particolar modo nella seconda parte di stagione dove è praticamente sempre partito dalla panchina. Ottimo il suo passato a Firenze, ma la sua stagione alla Lazio più questa in viola ha no decisamente ridimensionato il suo profilo, tanto che sembra essere imminente una sua nuova partenza. Di fatto il ritorno alla Lazio è solo di appoggio prima di cercare una nuova maglia, possibilmente al di fuori della Serie A, con l'ipotesi di un ritorno in Germania (ha giocato con la maglia dell'Amburgo) che rimane molto concreto.

Wallace sembra destinato alla stessa sorte. Ha giocato con il Braga in questa stagione e verrà inizialmente accorpato alla rosa della Lazio, ma visto che il mercato è orientato sull'acquisto di un difensore importante, con Kumbulla in pole position, è praticamente impensabile vederlo cominciare la stagione a Roma. Non sarà facile venderlo a titolo definitivo e per questo si prospetta una nuova esperienza in prestito.