Luis Alberto
Luis Alberto

Roma, 14 novembre 2020 - Un caso, una polemica nata e fortunatamente spenta poco dopo. Nel giro di 24 ore sono arrivate prima le accuse poi le scuse ufficiali di Luis Alberto, il quale sui social si era lamentato con la società per il mancato pagamento di alcune mensilità di stipendio relative alla fase del lockdown: “Se ho visto l’aereo della società? Sì, ho visto che comprano cose, ma non ci pagano".  Poi ancora: "L'aereo l'ho visto, spendono tanti soldi, ma per noi non c'è niente”, era stato lo sfogo dello spagnolo. La società è subito intervenuta con il fantasista, chiedendo un confronto. Luis Alberto ha da poco firmato il suo rinnovo di contratto con adeguamento, la polemica è arrivata come un fulmine a ciel sereno.

Le scuse dopo la polemica

Dopo il confronto, sono arrivate però le scuse pubbliche in diretta su Instagram: “Sono qui per sistemare un po' tutto. Avevo qui un discorso preparato con Angelo (Peruzzi, ndr), ma voglio parlarvi in diretta. Ho sempre detto ciò che penso, i soldi non sono tutto, è un momento difficile, lo so. Sono cresciuto come uno di 8 fratelli. Voglio chiudere la questione, così non esce più e continuiamo a divertirci giocando a calcio. Non parlo solamente per me, dico per tutti. Voglio che la Lazio lavori per il bene di tutti, c’è tanta gente dietro. Mi prendo le mie responsabilità, ho fatto una stupidaggine. Ho dato il massimo e lo farò sempre, finché starò qui”, ha spiegato.

Poi ha proseguito: “Sono sceso in campo anche da infortunato. Mi sono arrivati tanti messaggi dai tifosi. Non posso essere laziale come voi o come Danilo (Cataldi, ndr). Chiedo scusa alla gente che si è sentita offesa, non era mia intenzione. Non sono laziale, ma devo ringraziare la Lazio per tutto ciò che mi ha dato. Dobbiamo continuare a essere una famiglia, ho sbagliato il momento. Dobbiamo migliorare, e fare tutte le cose per bene. Continuiamo a lavorare, speriamo di festeggiare titoli in più. Un saluto e forza Lazio”, ha concluso Luis Alberto. Caso rientrato subito, il cielo può tornare sereno a Formello.

Leggi anche - Inter, Brozovic positivo al Covid in Nazionale: rischia di saltare il Real Madrid