Marash Kumbulla con la maglia del Verona
Marash Kumbulla con la maglia del Verona

ROMA, 16 luglio 2020 - Dopo alcune settimane di stallo nella trattativa per Marash Kumbulla, la Lazio ieri ha approfittato della presenza a Roma della dirigenza del Verona per tentare l’attacco decisivo. Il club biancoceleste non nasconde il suo interesse per il difensore albanese. Martedì i capitolini hanno ospitato i gialloblu a Formello per l’allenamento di rifinitura, è stata l’occasione per Lotito di incontrare il ds gialloblu D’Amico e successivamente anche il presidente Setti. Tare nella notte è rientrato da Udine per raggiungere il vertice di mercato. Dopo l’incontro di giugno la Lazio era arrivata ad offrire 20 milioni cash più il cartellino di Andrè Anderson, valutato 10 milioni. Per gli scaligeri il valore del brasiliano non supera i cinque, per questo è stato chiesto un ulteriore sforzo a Lotito per accontentare tutti. Il Verona sarebbe disposto ad accettare un’altra contropartita. Piace molto Lombardi, che tanto bene sta facendo alla Salernitana, ma che è corteggiato anche da altri club come Fiorentina e Sampdoria. La Lazio rimane in vantaggio sulle altre pretendenti, visto che l’offerta biancoceleste supera per appetibilità quella dell’Inter. Inoltre il calciatore si è già promesso alla Lazio. Sa che a Roma avrebbe la possibilità di crescere con continuità e di poter probabilmente giocare la Champions la prossima stagione.

FORMELLO - Seduta di scarico per i biancocelesti quest’oggi a Formello. Agli ordini di Inzaghi ci sono solo Djavan Anderson, Jorge Silva, Vavro, Patric, Falbo, André Anderson, Adekanye, Armini. Otto calciatori di movimento sul campo, gli altri lavorano in palestra o rimangono a riposo. Non ce la faranno sicuramente i lungodegenti Marusic, Correa, Leiva e Lulic. Andranno invece monitorate le condizioni di Radu. Il romeno ha ricevuto un pestone a inizio gara da Okaka molto doloroso. Ha stretto i denti per rimanere in campo nel primo tempo, poi al 50esimo ha lasciato spazio a Bastos. Anche Jony non è al meglio e andrà valutato, così come rivelato da Inzaghi nel post-gara. Vavro aveva saltato la seduta di rifinitura, è rientrato fra i convocati all’ultimo ma è alle prese con qualche fastidio fisico, tanto che il tecnico biancoceleste ha deciso di non rischiarlo, preferendo schierare Parolo in difesa dopo l'uscita di Luiz Felipe. Il brasiliano era rientrato dopo un lungo stop per un problema muscolare giocando un tempo contro il Lecce al Via del Mare, poi aveva dovuto subito fare i conti con affaticamento. Anche lui verrà gestito.