Il gol di Luiz Felipe la scorsa stagione all'Olimpico
Il gol di Luiz Felipe la scorsa stagione all'Olimpico

Roma, 7 novembre 2020 - La settima giornata di Serie A regala in calendario il big match fra Lazio e Juventus, che andrà in scena allo Stadio Olimpico di Roma, domenica 8 novembre alle ore 12.30. Quella che la scorsa stagione ha rappresentato a tutti gli effetti una sfida scudetto, si ripropone anche in questa annata come una delle partite più attese e sentite. Lazio e Juventus sono divisi in classifica al momento da soli due punti. Sono 10 quelli collezionati dai capitolini, 12 quelli della formazione di Andrea Pirlo. Il match sarà trasmesso in esclusiva da DAZN, che offre la possibilità di vederlo anche su un qualsiasi dispositivo compatibile con l'applicazione (smartphone, pc, tablet, Amazon Fire Stick, Chromecast). Inoltre sarà visibile anche per gli abbonati Sky che hanno sottoscritto l'offerta Sky DAZN sul canale satellitare DAZN1.

Leggi anche - Lazio, Inzaghi: "Lotito sempre attento alle regole. Noi risponderemo sul campo"

Le probabili formazioni

Dopo gli impegni europei settimanali in Champions League per le due compagini è nuovamente tempo di Serie A. Tanti i dubbi in casa Lazio, con Inzaghi che potrebbe dover fare a meno di Strakosha, Leiva e Immobile, fermati dall’Asl, oltre che dei lungodegenti Radu e Lulic. Chi tornerà dal primo minuto è Luis Alberto, risultato finalmente positivo al Covid-19 e di nuovo arruolabile, così come Lazzari. Pirlo invece perde Ramsey per infortunio ma conta di recuperare De Ligt almeno per la panchina. Di certo le alternative non mancano al tecnico bianconero, che potrebbe lasciare in panchina Arthur rilanciando Bentancur dal primo minuto. Cristiano Ronaldo farà coppia davanti con l’implacabile Morata.

Lazio (3-5-2): Reina; Luiz Felipe, Acerbi, Radu; Marusic, Milinkovic, Cataldi, Luis Alberto, Fares; Correa, Muriqi. All. Inzaghi.

Juventus (4-4-2): Szczesny; Danilo, Bonucci, Demiral, Cuadrado; McKennie, Rabiot, Bentancur, Kulusevski; Morata, Cristiano Ronaldo. All. Pirlo.