Simone Inzaghi
Simone Inzaghi

Roma, 8 ottobre 2020 - Nonostante l’insoddisfazione per il mercato appena conclusosi, con giocatori arrivati in ritardo e non ancora utilizzabili, il matrimonio fra la Lazio e Simone Inzaghi sembra destinato a durare ancora a lungo. Le trattative per il rinnovo di contratto vanno avanti ormai da quest’estate, ma l’accordo definitivo non è ancora arrivato. Lunedì ci sarebbe stato un incontro fra Inzaghi e Tare, al quale nel pomeriggio si sarebbe aggiunto anche il presidente Lotito. Il vertice vero e proprio però ci sarà nei prossimi giorni. Da capire se il contratto verrà rinnovato fino al 2023, come vorrebbe la società, o fino al 2022, come preferirebbe il tecnico biancoceleste. Di sicuro la questione Inzaghi è in cima alla liste delle cose da fare della società, che non vuole farsi scappare il proprio allenatore.

FORMELLO - Mentre molti giocatori sono in giro con le varie nazionali, Inzaghi è costretto a lavorare con un gruppo ristretto di ragazzi. Tanto che il tecnico biancoceleste è costretto ad aggregare alla prima squadra Adeagbo, Pino, Franco, Novella, T. Marino e Nimmermeer. A riposo Luis Alberto, che però non preoccupa. Lo spagnolo è solito sfruttare la sosta per lavorare a parte. Ai box ci sono Marusic, non partito con il Montenegro per la distorsione alla caviglia rimediata con l’Inter, Radu (lesione muscolare), Lulic e Luiz Felipe. A disposizione invece i nuovi acquisti Pereira e Muriqi. Seduta a parte infine per Hoedt, che deve ancora effettuare le visite mediche. Per lui un lavoro di corsa differenziato in orario successivo al resto della squadra.