Lazio-Inter
Lazio-Inter

Roma, 16 ottobre 2021 - Disfatta Inter all'Olimpico. La squadra di Simone Inzaghi viene rimontata, rigore Perisic, grazie alle reti di Immobile, ancora penalty, Anderson e Milinkovic, ma il secondo gol laziale - comunque regolare - è invaso dalle polemiche perché segnato con Dimarco a terra. Brutta battuta di arresto per i nerazzurri.

Apre Perisic

Inzaghi sceglie Dzeko, ma Lautaro rifiata per far posto a Perisic seconda punta, Sarri ritrova Immobile e lancia Basic al posto di Luis Alberto. La prima occasione è laziale: all'11' fugge Anderson a destra, Pedro cicca, poi Leiva scarica un destro di poco alto. Ma è un fuoco di paglia, perché ben presto l'Inter prende il controllo delle operazioni, con una tattica ben studiata a creare superiorità numerica in fascia. Brozovic è in formato stellare e disegna calcio e i nerazzurri  passano al 12', apertura di Dimarco, sponda di Darmian per l'inserimento di Barella steso da Hysaj: per Irrati nessun dubbio, rigore. Perisic spiazza Reina, 0-1. La squadra di Inzaghi è in controllo e ispirata, ma la Lazio trova sussulti in fascia con Felipe Anderson che innesca Basic ma sul piattone c'è Handanovic. Dall'altra parte si registra una botta di Perisic da fuori che Reina sventa, mentre nel finale è Pedro a scagliare un destro insidioso di poco a lato. Partita equilibrata, nel primo tempo, ma l'Inter dà l'impressione di poter far male con troppa facilità.

Rimonta Lazio

 

Partita con meno emozioni a inizio ripresa, la Lazio non riesce a dare una svolta alla contesa, l'Inter continua a manovrare con lucidità e precisione pur non trovando grandi occasioni da gol. Quasi all'improvviso, su un corner biancoceleste c'è il colpo di testa di Patric che finisce su un braccio largo di Bastoni, ancora rigore per Irrati. Immobile trasforma il pari al 64'. Girandola di cambi, per Sarri dentro Luis Alberto e Lazzari, Inzaghi risponde con Vecino, Dumfries e Correa. Sull'uno a uno la partita si mantiene su buoni ritmi ma prevale anche la prudenza, il tecnico nerazzurro ci prova allora con Lautaro per l'ultimo quarto d'ora. Le emozioni sono per il finale, e premiano la Lazio. Succede di tutto all'80', un contropiede Inter finisce con un destro centrale di Lautaro, sul capovolgimento di fronte, con Dimarco dolorante a terra, la Lazio segna con Anderson dopo respinta di Handanovic su diagonale di Immobile. Il 2-1 è regolare ma scatena le proteste di Dumfries che va a muso duro con tutti. Interisti infuriati perché i laziali non hanno buttato fuori palla, ma da regolamento non erano obbligati a farlo. La Lazio è trasformata, la partita anche, al minuto 91' c'è la testa di Milinkovic a chiudere i conti. Alla fine la nervosa Inter cede malamente il passo, la Lazio di Sarri invece reagisce dopo la scoppola di Bologna e si rilancia in classifica. Anche il fischio finale non chiude la contesa con l'inopinata espulsione di Felipe, ma vince comunque la Lazio.

Leggi anche - Spezia-Salernitana 2-1