Ciro Immobile  in gol contro la Fiorentina (Ansa)
Ciro Immobile in gol contro la Fiorentina (Ansa)

ROMA, 6 gennaio 2020 - La Lazio ottiene la prima vittoria del 2021 all’Olimpico battendo 2-1 la Fiorentina. I biancocelesti la sbloccano con Caicedo, poi raddoppiano con Immobile. Vlahovic accorcia nel finale ma è troppo tardi per riacciuffarla.

Lazio-Fiorentina 2-1, rivivi la diretta

Serie A, risultati e classifica

Primo tempo

Parte subito forte la Lazio, che fin dai primi minuti mette pressione alla Fiorentina. E infatti dopo soli sei giri di cronometro i biancocelesti la sbloccano al termine di un’azione corale. Cross di Acerbi dalla sinistra sul secondo palo, sponda di Lazzari di testa e girata al volo ravvicinata di Caicedo sulla quale Dragowski non può nulla. L’ecuadoregno esplode di gioia mostrando la maglia e scacciando via le voci di mercato che lo volevano proprio alla Fiorentina. I biancocelesti continuano a legittimare il vantaggio nella prima frazione, al 26esimo vanno ancora in gol con Immobile al termine di una ripartenza in contropiede, ma stavolta la gioia viene spezzata dal Var, che annulla per fuorigioco di pochi centimetri dell’attaccante partenopeo, al momento dell’assist di Luis Alberto. La Fiorentina è impalpabile, l’unico squillo viola arriva al 28esimo con un conclusione da zona defilata di Vlahovic. Il tiro è potente, ma Strakosha è ben posizionato e riesce a respingere in corner senza difficoltà.

Secondo tempo

Ritmi blandi da una parte e dall’altra nei primi minuti di gioco del secondo tempo. La Lazio non trova spazi per provare a chiudere la sfida, la Fiorentina non sembra avere le forze per impensierire i capitolini e riagganciare la gara. La partita si accende solo nei quindici minuti finali. Al 75esimo Immobile trova il raddoppio sugli sviluppi di un corner. Luis Alberto va diretto in porta, Dragowski smanaccia ma serve involontariamente l’attaccante partenopeo che da due passi non può sbagliare. Al 77esimo i ragazzi di Prandelli hanno l’occasione per riaprirla con Castrovilli, che in area mette a sedere un avversario poi calcia a giro sul secondo palo. Strakosha è battuto, ma Milinkovic di testa riesce a respingere. Nel finale Vlahovic accorcia su calcio di rigore, concesso da Abisso per una strattonata di Hoedt, ma la rete non basta alla viola per riprendere la sfida.

Tabellino

Lazio (3-5-2): Strakosha; Luiz Felipe (1' st Patric), Hoedt, Acerbi; Lazzari (32' st Radu), Milinkovic-Savic, Escalante (32' st Cataldi), Luis Alberto, Marusic, Caicedo (13' st Akpa Akpro), Immobile (44' st Muriqi). In panchina: Reina, Furlanetto, Armini, Franco, Anderson, Parolo, Pereira. Allenatore: Inzaghi. 

Fiorentina (5-3-2): Dragowski; Venuti (15' st Callejon), Quarta (28' st Lirola), Pezzella, Igor, Biraghi; Amrabat, Bonaventura (28' st Kouamè), Castrovilli; Ribery (38' pt Eysseric), Vlahovic. In panchina: Terraciano, Milenkovic, Barreca, Caceres, Valero, Duncan, Krastev, Pulgar. Allenatore: Prandelli. 

Arbitro: Abisso di Palermo. 

Reti: 6' pt Caicedo, 30' st Immobile, 43' st Vlahovic (rig). Note: giornata nuvolosa, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Luiz Felipe, Escalante, Castrovilli, Hoedt. Angoli: 2-9. Recupero: 2' pt; 5' st.
 

 

Leggi anche - Mayoral trascina la Roma nel 3-1 contro il Crotone