Ciro Immobile ha aperto le marcature nel 3-1 della Lazio sul Dortmund (Ansa)
Ciro Immobile ha aperto le marcature nel 3-1 della Lazio sul Dortmund (Ansa)

Roma, 20 ottobre 2020 - Una notte magica, attesa per 13 anni. È una Lazio in formato europeo quella che all’Olimpico fa di un sol boccone la favorita Borussia Dortmund, e porta a casa i primi tre punti del suo girone di Champions League. Decidono la rete di Immobile, l'autogol di Hitz e il sigillo finale di Akpa Akpro. A poco serve invece la rete di Haaland che al 71esimo riapre momentaneamente la sfida. 

Primo tempo

La Lazio nel suo stadio non sembra aver paura e comincia forte fin da subito, senza timore nei confronti dell’armata gialla del Borussia Dortmund. Al sesto gli uomini di Inzaghi sciolgono subito il ghiaccio. Leiva aggressivo ruba il pallone su un disimpegno sbagliato del Borussia Dortmund, il pallone finisce a Correa che è preciso nell’assist al centro per Immobile. Controllo e tiro da due passi che buca Hitz e porta subito sopra i biancocelesti. Al 21esimo provano a reagire i tedeschi. Sponda di Haaland e incursione di Guerreiro che in percussione si presenta davanti a Strakosha ma si vede ribattere la conclusione. La Lazio non si spaventa e continua a giocare il suo calcio. Al 22esimo in ripartenza Luis Alberto pesca Correa, che approfitta del mancato intervento di Hummels per presentarsi davanti alla porta. Hitz è però ben posizionato e riesce a respingere in corner. È proprio dal calcio piazzato successivo che la Lazio trova il raddoppio: cross teso di Luis Alberto e staccata aerea di Luiz Felipe che colpisce Hitz e si infila nell’angolino. Ritmi altissimi all’Olimpico, il Dortmund accusa il colpo ma crea l’occasione per riaprirla al 28esimo. Cross basso all’indietro di Haaland che pesca Meunier, che però sbaglia clamorosamente un rigore in movimento dal centro dell’area. Dopo una mezzora senza sosta, la Lazio decide di palleggiare, i tedeschi non pressano e favoriscono i biancocelesti che riescono a rientrare negli spogliatoi in vantaggio di due reti.

Secondo tempo

Il Borussia Dortmund entra in campo più aggressivo, tiene di più il pallone e fa abbassare la Lazio. Le azioni però stentano ad arrivare e l’unico a rendersi pericoloso è Haaland. La prima volta al 50esimo, quando l’attaccante norvegese si costruisce da solo un’occasione arrivando fino al limite dell’area per calciare. La conclusione è forte ma Strakosha riesce a parare con il petto distendendosi. Al 71esimo invece, l’ex Salisburgo non sbaglia. Stavolta è Reyna a servirgli l’assist vincente in area, con il norvegese che arriva puntuale e col piattone mette il pallone sotto l’incrocio. È il momento più difficile della gara per la Lazio. Il Dortmund prende coraggio e si riversa davanti, ma i capitolini trovano la forza per ristabilire le distanze al 76esimo. Assist eccezionale di Luis Alberto, guizzo di Immobile alle spalle dei difensori tedeschi e assist per l’esordiente Akpa-Akpro, che deve soltanto appoggiare in rete. È il colpo del KO per il Borussia Dortmund, che non riesce più a reagire dando il via alle feste laziali.

Leggi anche - Dinamo Kiev-Juventus 0-2, decisiva la doppietta di Morata

Lazio-Borussia Dortmund 3-1, il tabellino

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Patric, Luiz Felipe (6' st Hoedt), Acerbi; Marusic, Milinkovic-Savic (22' st Akpa Akpro), Leiva, Luis Alberto (35' st Parolo), Fares; Correa (22' st Muriqi), Immobile (36' st Caicedo). A disp.: Alia, Reina, Anderson, Armini, Escalante, Czyz. Allenatore: Inzaghi.

BORUSSIA DORTMUND (3-4-2-1): Hitz; Piszczek (20' st Brandt), Hummels, Delaney; Meunier, Bellingham (1' st Reyna), Witsel, Guerreiro; Reus (33' st Reinier), Sancho; Haaland. A disp.: Burki, Morey, Dahoud, Unbehaun, Passlack, Knauff, Raschl, Wanner. Allenatore: Favre.

Reti: 6' pt Immobile, 23' pt Hitz (aut.), 26' st Haaland, 31' st Akpa Akpro.

Arbitro: Clement Turpin (Francia).

Note: serata serena, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Luiz Alberto, Reyna, Strakosha. Angoli: 7-6. Recupero: 1' pt; 4' st.

Lazio-Borussia Dortmund 3-1, rivivi la diretta