L'abbraccio travolgente dei calciatori della Lazio a Felipe Caicedo
L'abbraccio travolgente dei calciatori della Lazio a Felipe Caicedo

ROMA, 10 novembre 2020 - Una situazione paradossale che di fatto ha gettato la Lazio nel calderone mediatico mettendola sotto processo. E sotto processo sono finiti anche i tamponi effettuati dalla Futura Diagnostica, soprattutto quelli svolti su Immobile, Strakosha e Leiva, risultati negativi presso lo studio di Avellino, e con dei valori alterati presso quello del Campus di Roma. Insomma una situazione sulla quale la Procura di Avellino sta indagando e sul quale anche la Figc vuole vederci chiaro. Sulla vicenda tamponi è intervenuto anche Stefano De Martino, direttore della comunicazione della Lazio, che ha spiegato la posizione del club: "Non abbiamo aggiunto niente perché c'è un'indagine in corso: la società, come sempre, attua un comportamento ligio alle regole. La società inoltre nel comunicato di alcuni giorni fa, ha espressamente chiarito di aver rispettato i protocolli e collabora come sempre con gli organi preposti. Ci sono degli aspetti che vanno chiariti, ma ribadisco: Lotito può stare simpatico o meno, ma il nostro operato è tangibile. Dopo anni ormai i tifosi hanno capito i meccanismi: su questa vicenda non posso aggiungere altro, deve fare il suo corso. Rispetto ad anni fa, siamo più maturi e ci siamo resi conto che c'è sempre il tentativo di darci una spallata. Ne siamo coscienti, ma sappiamo di rispettare le regole”, ha dichiarato a Radio Incontro.

Poi prosegue: “Ringrazio chi, anche in maniera scomposta, fa questi attacchi mediatici: ci sta ancora di più compattando. Alcuni giochi, a livello mediatico, sono stati capiti: questo ci unisce e ci da' più forza. Chiaro è che è fastidioso, ma sono sicuro che il popolo biancoceleste ha capito tutto questo e ci siamo avvicinati ancora. Il silenzio significa rispettare le regole ed attuare un protocollo: la società sta collaborando, dico ai tifosi di essere sereni e di concentrarsi al campo. Abbiamo visto con la Juve, che nelle difficoltà, la squadra continua a dimostrare tanto. Il clima tranquillo? Ci si modifica e plasma a seconda della situazione. Lotito ha creato sempre un  clima familiare e come ogni famiglia ci sono delle discussioni, ma persiste il legame. A San Pietroburgo abbiamo ricevuto i complimenti della società russa, ci hanno accolto come una squadra importante d'Europa: questo anni fa non accadeva”, ha concluso.
 

Leggi anche - Lazio, Caicedo è sempre più decisivo: "Noi non molliamo mai"