Joaquin Correa
Joaquin Correa

Roma, 26 ottobre 2020 - Si comincia a fare sul serio a Formello. Inzaghi prepara la sfida di Champions contro il Bruges ma rinvia le prove vere e proprie a domani. Le notizie positive dal campo arrivano da Milinkovic e Marusic. Entrambi hanno cominciato con un lavoro differenziato, poi si sono uniti al resto della squadra per la fase di possesso palla. Tutti e due tornano quindi a disposizione di Inzaghi, che valuterà se schierarli o meno dal primo minuto. Il centrocampista dovrebbe rientrare nell’undici iniziale, meno speranze invece per il montenegrino, che probabilmente si accomoderà in panchina per far spazio al rientrante Lazzari. La lista degli assenti rimane comunque lunga. Ai box ci sono i lungodegenti Radu e Lulic, ma anche Cataldi, Leiva ed Escalante, usciti anzitempo contro il Bologna, e Strakosha. L’assenza del portiere albanese da diversi giorni potrebbe permettere a Reina di esordire in biancoceleste anche in Champions League, dopo il battesimo in campionato. Sul campo non si è visto nemmeno Luiz Felipe, rientrato in Champions col Borussia e in panchina contro il Bologna. Da due giorni è a riposo, potrebbe trattarsi di una scelta precauzionale visto il lungo infortunio alla caviglia che lo aveva tenuto fuori nelle settimane precedenti. Domani saranno ore decisive per capirne di più sulle sue condizioni.

Correa e il furto in casa

Sono state ore difficili quelle vissute da Joaquin Correa. L’attaccante argentino, dopo la partita contro il Bologna all’Olimpico, al rientro a casa ha trovato una spiacevole sorpresa. Sabato sera dei ladri hanno fatto irruzione nella sua casa per derubarlo. Il calciatore si è sfogato sui social per l’accaduto. I ladri avrebbero portato via vestiti, orologi e anche diverse migliaia di euro in contanti. Una disavventura per Correa, che spera di poter scendere in campo mercoledì in Belgio per mettere alle spalle questa traumatica esperienza, magari segnando un gol che in queste prime giornate non è ancora arrivato.

 

Leggi anche - La gioia di Leiva e Acerbi: "Possiamo fare una grande stagione in Champions"