Ciro Immobile
Ciro Immobile

ROMA, 19 ottobre 2020 - A margine della conferenza di Simone Inzaghi, anche Ciro Immobile ha parlato nel giorno di vigilia della sfida contro il Borussia Dortmund. L’attuale Scarpa d’Oro in carica torna a calcare i palcoscenici della Champions League dopo le precedenti esperienze con le maglie di Siviglia e proprio del Borussia, sua ex squadra. “Se ho sentito qualche mio ex compagno? Non ho parlato con nessuno, ma sono felice di rivedere qualche mio ex compagno e membro dello staff con cui sono ancora legato. Una partita difficile, ma è bello giocare una competizione che abbiamo sognato per tanto tempo. Affrontiamo una grande squadra. Haaland? Da quando ha avuto l'exploit ho iniziato a seguirlo di più, il Borussia può renderlo uno dei più forti per il futuro. Ha la continuità giusta, quello che serve in questo sport. È ripartito alla grande, sarà duro da affrontare, dobbiamo tenere gli occhi aperti".

Le critiche in Nazionale

L’attaccante partenopeo è stato al centro delle critiche per alcuni errori commessi con la maglia azzurra. Difeso a spada tratta dai compagni, avrà adesso l’occasione di rifarsi e dire la sua, dopo aver scontato la squalifica in campionato e non aver potuto dare il suo contributo contro la Sampdoria. “Quanto mi hanno ferito le critiche in Nazionale? Molti miei compagni, ma anche il mister e lo staff, mi hanno scritto dei messaggi perché preoccupati della situazione. Ma ho raggiunto una maturità tale, di testa, da farmi scivolare tutto addosso. Ho sbagliato un gol, tutti si aspettavano la buttassi dentro. Sono felice della Nazionale, esco sempre con la maglia sudata, questo mi rende fiero. Nessuno mi toglie dalla testa che debba segnare di più, sono il primo a saperlo. Accetto tutto con serenità". 

L’Olimpico senza tifosi

Chiosa finale sui tifosi: ”Loro sono stati l'arma in più nei momenti negativi, ci hanno spinto, a volte a raggiungere i risultati oltre il 90'. Questo lo abbiamo pagato. Avremmo voluto un esordio in Champions diverso, ma è così per tutti. Dovremo fare una grande gara anche per loro. Bisogna lavorare con fiducia, il lavoro che facciamo va avanti da tempo, ora le cose non stanno andando come vogliamo. Contro la Samp è stata l'unica brutta prestazione, perché anche contro l'Atalanta nonostante il ko la squadra voleva comunque raggiungere il risultato a tutti i costi. Il campionato è appena iniziato, le cose possono cambiare da un momento all’altro".
 

Leggi anche - Lazio, resettare e ripartire: Inzaghi pensa già al Dortmund