Robert Lewandowski in gol contro la Lazio (Ansa)
Robert Lewandowski in gol contro la Lazio (Ansa)

Roma, 23 febbraio 2021 - Quando si alza il livello le grandi squadre emergono sempre: per chi considerasse il Bayern una squadra in difficoltà la risposta al ritorno in Champions League è stata importantissima e a farne le spese è stata la Lazio, incapace di relazionarsi contro un avversario di livello superiore. Alla fine all'Olimpico finisce 4-1 per i bavaresi in una gara già chiusa nel primo tempo e che archivia già dopo i primi 90 minuti il discorso qualificazione. Nell'altra sfida della serata, successo del Chelsea sul campo dell'Atletico Madrid per 0-1. Gol di Giroud.

Champions League: Atalanta-Real Madrid

Lazio-Bayern Monaco 1-4, rivivi la diretta

Champions, risultati e calendario

Primo tempo

Di fatto il cuore della gara è tutto nella prima metà di gioco: la Lazio prova a lanciare dei contropiedi rapidi ma il dominio tecnico del Bayern porta a un pressing alto che induce i biancocelesti all'errore, al punto che è Musacchio stesso a mandare in porta Lewandowski dopo pochi minuti con uno scelerato retropassaggio verso Reina che viene intercettato dal polacco e trasformato in gol. La reazione psicologica della Lazio è difficile e davanti viene creata solo qualche sporadica occasione tra cui un possibile calcio di rigore di Boateng su Milinkovic non fischiato dall'arbitro. Il Bayern però allunga con Musiala che da fuori area trova il raddoppio battendo un Reina forse non esente da colpe. Nel finale di primo tempo arriva anche il terzo gol, stavolta con Sané, dopo un contropiede a campo aperto di Coman che non è stato contenuto dalla difesa laziale.

Secondo tempo

Nella ripresa arriva immediatamente il punto esclamativo con l'autorete di Acerbi: su una cavalcata di Sané la palla crossata dal tedesco rimpalla sul capitano della Lazio che batte Reina e segna la fine della partita. La Lazio fa in tempo a trovare quantomeno il gol della bandiera grazie al Tucu Correa, che con una bella azione individuale trova un diagonale vincente che rende meno amaro il passivo. Alla fine il risultato rimane sul 4-1 con le squadre che allentano la tensione e nessuno dei subentri riesce ad avere un particolare impatto sulla gara. in vista del ritorno sembra essere tutto già chiuso.

Tabellino

Lazio (3-5-2): Reina; Patric (10' st Hoedt), Acerbi, Musacchio (31' pt Lulic); Lazzari, Milinkovic-Savic (36' st Cataldi), Leiva (10' st Escalante), Luis Alberto (36' st Akpa Akpro), Marusic; Correa, Immobile. (1 Strakosha, 71 Alia, 16 Parolo, 13 Armini, 96 Fares, 7 Pereira, 20 Caicedo, 94 Muriqi). All.: Inzaghi. 

Bayern Monaco (4-2-3-1): Neuer; Sule, Boateng, Alaba, Davies; Kimmich, Musiala (45' st Choupo-Moting); Sané (45' st Sarr), Goretzka (18' st Javi Martinez), Coman (30' st Hernandez); Lewandowski. (39 Hoffmann, 22 Roca). All.: Flick. 

Arbitro: Orel Grinfeeld (Isr). 

Reti: nel pt 9' Lewandowski, 24' Musiala, 42' Sané; nel st 2' Acerbi (aut.), 4' Correa. Angoli: 7 a 4 per la Lazio. Recupero: 1' e 4'. Ammoniti: Luis Alberto e Kimmich per comportamento non regolamentare, Leiva, Correa, Marusic, Escalante e Coman per gioco falloso.
 

Live

Champions League, ottavi di finale: probabili formazioni e orari tv