Francesco Acerbi
Francesco Acerbi

Roma, 15 aprile 2020 – Giorni di quarantena per i giocatori della Lazio. Continuano gli allenamenti fra le mura domestiche, seguendo delle tabelle personalizzate che lo staff di Simone Inzaghi ha preparato per ognuno. In attesa di nuove notizie per tornare in campo a Formello, si svolgono così le giornate dei calciatori. I canali ufficiali della società, sono entrati direttamente nelle case di Acerbi e Cataldi per capire come stanno vivendo questo momento. “Cerco di allenarmi tutti i giorni, sia la mattina che il pomeriggio. Stavo recuperando da un problema al polpaccio, quindi sto facendo riabilitazione soprattutto su quel muscolo. È dura stare in casa sempre, però sappiamo di doverlo fare per il bene di tutti. Sarò il primo a tornare a Formello quando si potrà”, ha dichiarato il difensore ex Sassuolo, che poi ha proseguito: “Con Inzaghi e i compagni ci sentiamo spesso, non solo per lavoro ma anche per chiacchierare fra di noi. L’importante è che si stia tutti bene e ci si possa rivedere presto. Giocare senza pubblico? Senza il tifo il calcio sarebbe nullo. Quindi sarà molto brutto non avere i tifosi accanto”. Poi sulla difesa: “Migliore del campionato? Questo è grazie a tutta la squadra. Il pressing inizia dall’attacco e questo ci rende la vita più facile. Si corre tutti insieme e si lavora da gruppo. I complimenti di Stam? Ovviamente mi fanno grande piacere”. Chiosa finale sugli obiettivi: “Vogliamo tornare a giocare se ci saranno le condizioni, siamo secondi e vorremmo provare a vincere il campionato. Europei? Lotterò in campo per strappare una convocazione il prossimo anno”.

Anche il centrocampista Danilo Cataldi, ha raccontato come si svolgono le sue giornate e parlato degli obiettivi per il futuro: “Sicuramente ci hanno fermato in un momento che per noi era molto positivo. Purtroppo in queste situazioni non si può far nulla, ha preso alla sprovvista tutti. È una cosa molto spiacevole. Nel momento in cui si ripartirà però, penso che saremo tutti pronti per riprendere da dove avevamo lasciato. Abbiamo fatto un campionato incredibile e possiamo toglierci ancora tante soddisfazioni. La voglia rimane ed è grande, non c’è alcun dubbio. Sappiamo quali siano i nostri obiettivi e in che direzione dovremo andare. La voglia non si è mai spenta. Saremo pronti e carichi”. Infine sullo scudetto: “Cosa darei per vincerlo? Ma chiedetemi tutto, tranne la mia famiglia, scambierei qualsiasi cosa. Fatemi una lista vi do tutto (ride ndr). Stiamo parlando della cosa più bella e gloriosa di tutte. Aldilà delle altre competizioni, il campionato è la cosa più difficile, devi avere una continuità incredibile per arrivare in testa alla fine”.