Il ds azzurro Cristiano Giuntoli (Ansa)
Il ds azzurro Cristiano Giuntoli (Ansa)

Napoli, 9 giugno 2020 - Il ritorno del calcio giocato è vicino, con la Coppa Italia che nel weekend segnerà il nuovo debutto stagionale, ma in casa Napoli si guarda anche al mercato e in particolare al futuro: gli sforzi di Cristiano Giuntoli per vestire d'azzurro il giovanissimo Michal Karbownik stanno per essere ripagati.

Il ds partenopeo segue da tempo il promettente classe 2001 che quest'anno, con la maglia del Legia Varsavia, ha cominciato ad affacciarsi con profitto sul panorama continentale, mettendosi in mostra a suon di ottime prestazioni e assist (7 in 30 presenze). Terzino sinistro di nascita, il polacco può agire anche sull'altra corsia, ma è chiaro che, eventualmente, nel capoluogo campano non dovrebbe snaturarsi e, anzi, colmare una lacuna sull'out mancino che dura da un bel po'. Prima di questi voli pindarici c'è però da chiudere un affare complicato dalla corte serrata di tanti top team europei, pronti a fare follie per accaparrarsi un laterale basso dal sicuro avvenire e dal piedino fatato. Il Napoli, grazie appunto a un'intuizione di Giuntoli, si è mosso in anticipo sulla concorrenza e tuttora staziona in pole position nella corsa a Karbownik nonostante il rifiuto alla prima offerta da 4 milioni da parte del Legia Varsavia. Gli azzurri sono pronti a salire quindi fino a 7 milioni, cifra che accontenta le richieste del club polacco e lo stesso Aurelio De Laurentiis, vicino a mettere a segno un colpo in prospettiva (i suoi preferiti), tra l'altro senza neanche sborsare una fortuna. Insomma, dopo qualche sessione di mercato votata alla caccia a giocatori già pronti (come richiesto da Carlo Ancelotti), il Napoli torna a lavorare a fari spenti su quei nomi che magari scalderanno meno il cuore dei tifosi ma che di solito, almeno all'ombra del Vesuvio, danno più soddisfazioni.

Per un Karbownik in entrata c'è almeno un terzino costretto a fare la valigie: innanzitutto il suo omologo Faouzi Ghoulam, curiosamente di ben 10 anni più "anziano" del talentino del Legia Varsavia. Il destino appare segnato anche per Elseid Hysaj che, tramite il procuratore Mario Giuffredi, ha di fatto annunciato il suo addio con un anno di anticipo rispetto alla scadenza del contratto, dando per scontato che De Laurentiis non vorrà perderlo a zero nel 2021. Chi invece potrebbe ancora vestire l'azzurro è Kevin Malcuit: per lui sarà decisivo l'impatto con il campo dopo i tanti mesi passati ai box a causa della rottura del legamento crociato patita a Ferrara a ottobre.