L'esultanza di Ronaldo
L'esultanza di Ronaldo

Torino, 21 settembre 2019 - Tre punti per la Juventus, ma quanta fatica contro l'Hellas Verona. I bianconeri si impongono 2-1 in rimonta, grazie alle reti di Ramsey e di Cristiano Ronaldo dal dischetto. Inutili per i ragazzi di Ivan Juric una gran bella prestazione e la rete capolavoro di Veloso, autore del momentaneo 0-1. Con questo successo, il terzo in campionato, la Vecchia Signora sale al primo posto in classifica, in attesa del derby di Milano di questa sera. 

Serie A, risultati e classifica aggiornata

La cronaca. E' la giornata degli esordi in casa Juve: prima allo Stadium per Maurizio Sarri, che fa un po' di turnover lanciando Bentancur, Demiral, Dybala e Ramsey, tutti all'esordio dall'inizio. Ma è anche la partita che segna il ritorno fra i pali di Gigi Buffon. La partenza dei bianconeri è piuttosto soporifera di fronte a un Verona deciso a giocare a viso aperto. Ci prova Ronaldo, ma il suo destro è impreciso. Al 20' ecco l'episodio che cambia il match: Demiral travolge Di Carmine in area e l'arbitro La Penna assegna il penalty in favore degli ospiti. L'attaccante numero 10 calcia centrando il palo e pure la respinta di Lazovic viene respinta dalla traversa. Pericolo scampato per la Vecchia Signora? Nemmeno per sogno, perché l'azione continua e Veloso la finalizza bucando Buffon con un sinistro perfetto. 

La squadra di Sarri è scossa, ma continua a sbagliare molto in fase di impostazione. A togliere le castagne dal fuoco, dopo un tentativo di Ronaldo, è Ramsey, il cui tiro da fuori diventa imparabile per Silvestri dopo la deviazione di Gunter. Nonostante il gol subito, il Verona si fa preferire e non rischia praticamente nulla fino all'intervallo. Al rientro dagli spogliatoi la Juve rischia subito, ma Di Carmine è egoista in contropiede e spreca l'occasione. L'Hellas paga l'errore, perché subito dopo ne commette un altro con Gunter, che stende Cuadrado nella propria area. Penalty per i padroni di casa e 2-1 timbrato in maniera impeccabile da Ronaldo.

Chi pensa che la gara si metta in discesa per Madama si sbaglia. Vero che i campioni d'Italia creano due palle gol con Ramsey e Cuadrado, ma è altrettanto vero che Zaccagni impegna Buffon con una gran conclusione. Ancora più clamorosa la chance che capita ai gialloblu al 69', quando una punizione mette in difficoltà la difesa bianconera, che si salva sul tap-in ravvicinato di Di Carmine solo grazie al fortuito intervento di schiena di Bonucci. La Juve soffre, specie da palla da fermo, con Veloso che impensierisce più volte Buffon. L'estremo difensore è decisivo all'89' su Lazovic, mentre sulla ribattuta è il palo esterno a dire di no a Veloso. Nel momento più difficile è Matuidi a prendersi sulle spalle la squadra, costringendo Kumbulla ad abbondare il campo dopo il secondo cartellino giallo. E' sostanzialmente la parola fine sulle speranze del Verona, che esce sconfitt dallo Stadium ma assolutamente a testa alta. 

Rivivi la diretta

Tabellino

Juventus (4-3-3): Buffon; Danilo, Bonucci, Demiral, Alex Sandro; Ramsey (16' st Khedira), Bentancur (6' st Pjanic), Matuidi; Cuadrado, Dybala (27' st Higuain), Ronaldo. A disp.: Szczesny, Pinsoglio, De Ligt, Rugani, Emre Can, Rabiot, Bernardeschi. All.: Sarri.  

Verona (3-4-2-1): Silvestri; Rrahmani, Kumbulla, Gunter; Faraoni, Amrabat (40' st Pazzini), Veloso, Lazovic; Zaccagni (28' st Tutino), Verre (14' st Pessina); Di Carmine. A disp.: Berardi, Radunovic, Vitale, Henderson, Tupta, Danzi, Dawidowicz, Empereur, Adjapong. All.: Juric.

Arbitro: La Penna

Reti: 21' Veloso, 31' Ramsey, 4' st rig. Ronaldo 

Note. Ammoniti: Rrahmani, Faraoni. Espulsi: 49' st Kumbulla per doppia ammonizione. Di Carmine ha sbagliato un rigore al 20'.