Juventus-Spal (Ansa)
Juventus-Spal (Ansa)

Torino, 27 gennaio 2021 - Missione semifinale di Coppa Italia centrata per la Juventus. Tutto facile per i bianconeri all'Allianz Stadium contro la Spal, stesa per 4-0. Decisive le reti nel primo tempo di Morata (su rigore) e Frabotta, e nella ripresa di Kulusevski e Chiesa, che regalano alla truppa di Andrea Pirlo il confronto con l'Intervincente ieri nel derby con il Milan.

Coppa Italia 2021: c'è Napoli-Spezia

La sblocca Morata

Tornano titolari sia de Ligt che Demiral, con Dragusin e Frabotta ai loro fianchi. Altro giovane a cominciare dall'inizio è Fagioli. In avanti Kulusevski e Morata. Dall'altra parte Marino schiera il tandem Brignola-Seck alle spalle di Floccari. Il copione è quello atteso: la Juve crea, mentre la Spal cerca di limitare i danni, pur senza rinunciare ad affacciarsi dalle parti di Buffon. Frabotta e Morata sono i primi a impensierire Berisha, che sulla conclusione all'8' dello spagnolo deve sporcarsi i guantoni. Al 16' la sfida fra i due si ripete: Rabiot infatti si guadagna il rigore (fischiato dall'arbitro Pezzuto solo dopo la revisione al Var) che il numero 9 bianconero non fallisce. 

Prima gioia per Frabotta

Nonostante il vantaggio la Vecchia Signora continua a giocare e a rendersi pericolosa, prima con Kulusevski (conclusione bloccata in due tempi da Berisha) e poi con Ramsey (tiro sull'esterno della rete). Il raddoppio è nell'aria e arriva al 31': lo firma Frabotta, con un bel sinistro da fuori dopo l'azione ubriacante di Kulusevski e il tocco di Fagioli. La reazione degli ospiti sta tutta nel tentativo di Floccari, che termina fuori non di molto. Partita in discesa per i campioni d'Italia in carica, che tornano negli spogliatoi con il risultato in ghiaccio. 

Poker Juve

La musica non cambia in apertura di ripresa, quando si vede in campo anche Di Pardo. La Juve prova ad alzare ritmo e pressione per siglare la terza rete: i tiri-cross di Kulusevski e Frabotta non hanno particolare fortuna. Al 56' è invece Ramsey a impegnare Berisha. La gara scivola via senza grossi sussulti, ma Pirlo sfrutta comunque questi minuti per gettare nuovamente nella mischia Alex Sandro, guarito ieri dal Covid-19. La Spal vuole chiudere in maniera aggressiva e con Tomovic avrebbe una chance interessante, ma l'ex difensore della Fiorentina sceglie di non calciare e sbaglia. Così come sbaglia al 77', regalando palla a Chiesa che serve l'assist per il 3-0 di Kulusevski. Prima del fischio finale di Pezzuto c'è tempo ancora per l'esordio nella fila bianconere di un altro giovanissimo come Da Graca e per il poker di Chiesa proprio al 94'. 

Leggi anche: L'Atalanta batte la Lazio e vola in semifinale