Pavel Nedved
Pavel Nedved

Torino, 14 dicembre 2020 - Sarà il Porto l'avversario della Juventus agli ottavi di finale di Champions League. Un déjà vu, dato che le due squadre si sono sfidate per l'accesso ai quarti della massima competizione europea anche nel 2017. In quel caso è finita con la Vecchia Signora a strappare la qualificazione senza eccessivi patemi (vittoria sia all'andata che al ritorno). Il precedente che però deve far tenere alta la concentrazione in casa bianconera è quello della scorsa stagione con il Lione. Presentasi da grande favorita all'appuntamento, la truppa guidata da Sarri ha fallito, facendosi eliminare e pagando a caro prezzo l'1-0 incassato in terra transalpina. 

Il monito di Nedved

Insomma, guai a prendere sottogamba il doppio confronto con il Porto, come ci tiene a sottolineare Pavel Nedved. "È bello arrivare agli ottavi, ma è anche una fase anche molto difficile da affrontare, perché tutte le chiunque può metterti in difficoltà - commenta il vicepresidente juventino - In questa fase della Champions c'è molto equilibrio, tutte le avversarie sono forti e lo abbiamo visto lo scorso anno, quando siamo usciti con il Lione. Conosco bene Sergio Conceicao, il loro allenatore - continua Nedved - era un mio compagno di squadra e gioca con un 3-5-2 molto ben organizzato. Saranno due sfide molto difficili. Favoriti? Possiamo anche esserlo, ma il punto è arrivare a quelle partite in ottima forma. Dovremo affrontare il Porto come abbiamo fatto con il Barcellona al Camp Nou: con le nostre convinzioni e la volontà di giocare il nostro calcio". 

Leggi anche: Infortunio per Neymar