Buffon insieme a Ronaldo (Ansa)
Buffon insieme a Ronaldo (Ansa)

Torino, 8 agosto 2020 - "Pirlo come Zinedine Zidane? Per me è sbagliato: Zizou era stato secondo di Carlo Ancelotti e aveva guidato la squadra B del Real Madrid. Ma Andrea ha tutte le capacità per fare cose ancora più grandi rispetto a Zidane: conosce bene l'ambiente della Juventus, i giocatori e la società. Penso si siano parlati in modo chiaro. Sinceramente non ci avrei puntato un euro. E' stata una sorpresa anche per me. Ero già felice per la scelta dell'Under 23, era il giusto passaggio per lui, ma qui siamo andati oltre". Da vero cuore juventino, Alessandro Del Piero fa il suo personalissimo in bocca al lupo all'ex compagno di club e di Nazionale Andrea Pirlo, annunciato in giornata come nuova allenatore della Vecchia Signora.

Una notizia che ha sorpreso, alla luce soprattutto del fatto che per il 'Maestro' si tratterà della prima esperienza assoluta da tecnico. "Da anni è cambiata la percezione degli ex giocatori che diventano allenatori. Oggi si dà fiducia senza gavetta, è il caso dei fratelli Inzaghi ma non solo. Pirlo ha qualità intellettuali speciali", ha aggiunto Del Piero ai microfoni di Sky Sport. 

Da una bandiera juventina a un'altra: non appena svelato il nome di Pirlo come erede di Maurizio Sarri, Gigi Buffon ha salutato con una battuta l'arrivo dell'ex Milan: "Quindi ora devo chiamarti Mister!?!?! In bocca al lupo per questa nuova sfida Andrea! ". 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Gianluigi Buffon (@gianluigibuffon) in data: