Andrea Pirlo
Andrea Pirlo

 

Barcellona, 7 dicembre 2020 - La Juventus è convinta di poter centrare la clamorosa impresa domani sera al Camp Nou e di strappare al Barcellona il primo posto nel gruppo G di Champions League. Parola di Andrea Pirlo. "Dobbiamo crederci, anche se sappiamo che sarà una gara difficile. Ci sarà da soffrire, ma siamo consapevoli che avremo le nostre occasioni da sfruttare. E poi non abbiamo nulla da perdere, quindi è giusto giocarci la partita a viso aperto, ricordandoci degli errori commessi all'andata. Siamo sereni e sicuri che può succedere di tutto".

"Niente crisi Barca"

Anche perché la squadra di Ronald Koeman non sta attraversando un gran momento. "Ma non credo alla loro crisi - sottolinea il tecnico bianconero nella conferenza di vigilia - Hanno giocatori forti e un allenatore nuovo. Quindi è una squadra che come noi ha bisogno di tempo". E di migliorare sotto diversi aspetti. "Per quanto ci riguarda, rispetto alla gara d'andata, dobbiamo fare attenzione alla fase di non possesso, cercando di stare molto stretti con le linee di centrocampo e difesa, non dobbiamo farci trovare scoperti per farli giocare lateralmente. In generale, il difetto peggiore è l'approccio non al 100% di qualche calciatore, dato anche dalle tante partite giocate e dalla stanchezza mentale. A volte serve una scintilla per farli rendere al massimo".

Meglio Messi o Ronaldo? 

Chi non ha bisogno di scintille, specie domani, è Cristiano Ronaldo. "Sta tirando meno e segnando di. più? Significa che si trova nella posizione giusta al momento giusto e che gli passiamo la palla. Chi è meglio fra lui e Messi? Ha detto bene Koeman: non è giusto trovare uno più bravo dell'altro. Stanno dando spettacolo da 15 anni, durante i quali si sono divisi il Pallone d'Oro. Bisogna solo ringraziarli perché fanno bene al calcio". 

Buffon titolare

Un altro che fa bene al calcio è Gigi Buffon, recuperato dopo l'infortunio e pronto a scendere in campo da titolare al Camp Nou. "Si è allenato con noi negli ultimi due giorni e sta meglio. Potrebbe essere la sua serata - sottolinea Pirlo - perché si merita di scendere in campo in un palcoscenico così importante con una grande sfida da affrontare. Quanto è importante arrivare primi nel gruppo? È importante soprattutto per la nostra crescita e per la nostra autostima. La classifica è importante, perché chiudere da primi o da secondi ti dà qualcosa di diverso a livello di sorteggio, però è più importante il tipo di prestazione che offriremo". 

Leggi anche: Messi contro Ronaldo, i numeri nei confronti diretti