L'esultanza dei giocatori della Juventus
L'esultanza dei giocatori della Juventus

Torino, 28 dicembre 2020 - Prima seduta post vacanze di Natale per la Juventus, che questo pomeriggio ha ripreso a lavorare in un Training Center imbiancato dalla leggera nevicata della scorsa notte. Il programma della sessione odierna si è focalizzato sul lavoro fisico individuale. Gruppo al completo per mister Andrea Pirlo, fatta eccezione per Cristiano Ronaldo e Adrien Rabiot, assenti giustificati. Il portoghese si è diretto a Montecarlo per ritirare il Golden Foot, mentre il francese ha usufruito di un giorno di permesso. Domani, al mattino, è previsto il secondo allenamento, sempre individuale, in attesa degli esiti dei tamponi a cui si sono sottoposti i calciatori.

Rosa al completo

Da mercoledì si ricomincerà a lavorare tutti assieme per preparare la gara in programma domenica 3 gennaio (fischio d'inizio alle 20:45) all'Allianz Stadium contro l'Udinese. In occasione della ripartenza del campionato, Pirlo potrà contare finalmente sull'intera rosa. Sono infatti recuperati a pieno i vari Arthur, Giorgio Chiellini, Matthijs de Ligt e Merih Demiral. Unico assente sicuro contro i friulani sarà Juan Cuadrado, che dovrà scontare la giornata di squalifica rimediata per via dell'espulsione contro la Fiorentina. Un'ottima notizia per il tecnico bianconero, che potrà gestire al meglio le energie anche in relazione al tour de force che attende la Vecchia Signora. 

Calendario fitto 

Dopo la sfida con l'Udinese, Madama tornerà in campo dopo tre giorni a San Siro contro il Milan. Altro giro, altra gara tosta il 10 gennaio, stavolta in casa con il Sassuolo. Dopo l'esordio in Coppa Italia con il Genoa, ecco la seconda trasferta milanese di fila (il 17 gennaio contro l'Inter) e la finale di Supercoppa Italiana con il Napoli (20 gennaio). In tutto sei partite estremamente importanti nel giro di 17 giorni. E prima della gara d'andata degli ottavi di finale di Champions League con il Porto, fissata per il 17 febbraio, la Juve sarà protagonista altre quattro volte fra Bologna (24 gennaio), Sampdoria (30 gennaio), Roma (6 febbraio) e Napoli (13 febbraio). Un calendario a dir poco fitto. 

Leggi anche: Reynolds vicino ai bianconeri