Morata in azione
Morata in azione

 

Madrid, 2 giugno 2021 - "Alla Juventus è stato un anno complicato, ma sono stato convocato e ora darò tutto per vincere con la Nazionale". Alvaro Morata è pronto e carico per l'Europeo che prende il via l'11 giugno. Il 14 per la Spagna, inserita nel girone E con Svizzera, Slovacchia e Svezia, con quest'ultima che sarà la prima sfidante delle Furie Rosse. A guidare l'attacco degli iberici nell'11 titolare in campo fra meno di due settimane ci potrebbe essere proprio la punta ex Real Madrid, reduce da una stagione contraddistinta da alti e bassi. Dopo l'ottima partenza, fatta di sei gol nelle prime cinque gare di Champions League, Morata ha accusato un calo, anche a causa dell'infezione da Citomegalovirus che lo ha colpito a febbraio.

Permanenza a Torino: ci siamo

Nonostante tutto, il numero 9 bianconero ha concluso l'annata con un bilancio di 20 gol e 12 assist in 44 presenze. Uno score che avrebbe convinto la Juventus a tenersi almeno per altri 12 mesi il giocatore di proprietà dell'Atletico Madrid. Le due società rinnoveranno quindi il prestito. Una mossa, quella del club di Andrea Agnelli, ovviamente condivisa da Massimiliano Allegri, appena insediatosi sulla panchina dei piemontesi. Nonostante l'accordo sia praticamente fatto, Morata per il momento preferisce non sbilanciarsi. "Non so dove giocherò il prossimo anno, ora sono qui. E' il mio agente che se ne occupa. Non ho nessuna notizia al riguardo - sottolinea il classe '92 ai microfoni di Radio Marca - A Madrid ho una casa in cui sto molto bene, tra le ultime 6-7 estati questa per me è sicuramente la più tranquilla. Quando decideranno, lo sarò ancor di più". 

Leggi anche: Napoli, Meret sarà il portiere titolare