L'esultanza di Ronaldo
L'esultanza di Ronaldo

 

Torino, 4 gennaio 2021 - Quattro gol all'Udinese e tre punti punti per rispondere alle vittorie delle altre big. Il 2021 si poteva aprire in maniera migliore per la Juventus? In realtà sì. Prima della partita infatti Andrea Pirlo ha dovuto fare i conti con il problema muscolare accusato da Alvaro Morata, lanciando dall'inizio Paulo Dybala, peraltro a segno nel finale. Il problema per la Vecchia Signora è che mercoledì c'è in programma la trasferta a San Siro contro il Milan. Un'occasione per i bianconeri per provare ad accorciare le lunghezze di distanza dalla vetta, ma il rischio grosso è che lo spagnolo debba restare a guardare. Complicato infatti pensare che possa recuperare in tempo. 

Niente Morata, niente Ibra

 

"Alvaro ha avuto un risentimento nell'ultimo allenamento. Dovremo valutarlo in questi giorni, ma non credo possa essere a disposizione contro il Milan", le parole di Pirlo a fine gara. Se confermata, quella di Morata sarebbe un'assenza pesantissima, alla luce della sua centralità nel gioco di questa Juventus. Vero che dall'altra parte mancherà Zlatan Ibrahimovic, ma i rossoneri hanno dimostrato fino a questo momento di riuscire ad andare oltre, vincendo anche con Leao (in gol contro il Benevento e autore pure di una delle quattro reti rifilate dal Diavolo ai piemontesi a luglio) nel ruolo di punta centrale. Un Leao la Vecchia Signora invece non ce l'ha. 

Aggrappati a CR7

 

In attesa che arrivi un centravanti di scorta (ieri Pirlo ha aperto alla possibilità di vedere a Torino Olivier Giroud), Madama deve fare di necessità virtù. Che tradotto significa affidarsi ad altre armi, vedi le sgroppate sulla fascia di Chiesa e alla fantasia di Ramsey e Dybala. Ma soprattutto alla vena realizzativa del solito Cristiano Ronaldo, che ha aperto il 2021 con un'altra doppietta, la settima stagionale in 15 presenze, per un bottino totale di 18 gol. Al Milan il portoghese ha già saputo far male nelle precedenti annate in maglia bianconera, siglando quattro reti, di cui tre a San Siro. Insomma, manco a dirlo gran parte delle fortune juventine passeranno dalla serata di CR7, che certi appuntamenti tende a non steccarli quasi mai. 

Leggi anche: Serie A, i risultati della 15° giornata