Chiesa al tiro
Chiesa al tiro

Torino, 6 maggio 2021 - Federico Chiesa scalda i motori in vista di Juventus-Milan, spareggio per la prossima Champions League. Uscito anzitempo durante la sfida con l'Atalanta dello scorso 18 aprile a causa di un problema muscolare, il numero 22 bianconero ha saltato le ultime tre uscite contro Parma, Fiorentina e Udinese. Un'assenza che si è fatta sentire eccome, nonostante i sette punti raccolti dalla Vecchia Signora. Il classe '97 è diventato imprescindibile per Andrea Pirlo, che senza di lui perde l'unico calciatore, assieme a Juan Cuadrado, in grado di saltare con frequenza l'uomo. Ma non solo, perché in questa stagione ci sono anche i numeri a certificare la crescita del figlio di Enrico. 

Crescita continua

Sono 13 i gol collezionati in 41 apparizioni e arricchiti da 11 assist. Statistiche che di fatto rendono l'ex viola, dopo Cristiano Ronaldo, il giocatore della Juventus maggiormente decisivo. Se CR7 finalizza, Chiesa fa anche tutto il resto però, sacrificandosi anche in fase difensiva e, una volta recuperato il pallone, correndo a più non posso verso l'area avversaria. Quell'area dove, rispetto alle annate trascorse alla Fiorentina, ha imparato a essere più freddo. Basti pensare ad esempio alla rete del momentaneo 0-1 nella gara d'andata con il Milan, con Chiesa prima bravo a inserirsi senza palla, poi a non dare scampo a Donnarumma, battuto anche una seconda volta con un altro tiro imparabile. 

Nel momento del bisogno, Chiesa c'è

Se dovesse effettivamente recuperare (e tutto lascia pensare che ci riuscirà), il calciatore nato a Genova proverà a replicare contro il Diavolo quanto combinato a San Siro. Il suo rientro può dare una spinta importante alla Signora, specie dal punto caratteriale. Chiesa ha infatti dimostrato di essere in grado di ergersi a trascinatore quando la posta in palio è alta, vedi le due sfide con il Porto negli ottavi di finale di Champions League. Domenica ci si gioca tanto e Pirlo punta forte su Fede per inseguire una vittoria che permetterebbe alla Juventus di compiere un deciso passo in avanti verso la qualificazione all'Europa che conta. 

Leggi anche: Coppa Italia, cambia la formula