Dejan Kulusevski in azione
Dejan Kulusevski in azione

Torino, 14 novembre 2020 - Nè Cristiano Ronaldo, né Alvaro Morata, ma Dejan Kulusevski. I giocatori della Juventus più attesi in zona gol di questo sabato sera dedicato alla Nations League erano il portoghese e lo spagnolo, rimasti però all'asciutto. Ma a lasciare il segno ci pensa un altro talento della scuderia di Andrea Pirlo come il giovanissimo svedese, autore del primo gol in Nazionale in occasione del 2-1 rifilato alla Croazia. Una rete fotocopia rispetto a quella siglata contro la Sampdoria, al debutto in maglia bianconera, con l'ex Parma ad accentrarsi da destra verso sinistra e a scaricare un mancino imparabile per il portiere avversario. 

Rabiot protagonista

Sorride anche Adrien Rabiot, protagonista nella vittoria della Francia in casa del Portogallo di CR7, campione in carica di Nations League. I transalpini si impongono per 1-0 grazie al sigillo di Kanté e conquistano il pass per la Final Four. Ronaldo deve invece rimandare l'appuntamento con il sorpasso ai danni di Ferenc Puskas al quarto posto nella classifica dei bomber più prolifici di sempre. Nonostante una prestazione non superba, l'attaccante della Juventus va comunque vicino al gol. 

Il ritorno di Morata

Niente marcatura neppure per Morata. Il numero 9 della Vecchia Signora però può festeggiare il rientro in campo (durante la ripresa) con indosso la casacca della Spagna: non gli capitava da un anno. Gli iberici pareggiano 1-1 in Svizzera nonostante i due rigori falliti da Sergio Ramos (gol di Freuler e Moreno) e tengono accese le speranze di qualificazione alla Final Four. Decisivo in questo senso il match con la Germania, capolista del gruppo 4 con una lunghezza di vantaggio sulle Furie Rosse, in programma per martedì prossimo. 

Leggi anche: Bonucci lascia il ritiro dell'Italia