Sami Khedira
Sami Khedira

Torino, 22 maggio 2020 - La sosta forzata qualche beneficio lo ha portato alla Juventus e a Maurizio Sarri. Vedi il recupero degli infortunati e degli acciaccati, a cominciare da quel Sami Khedira che non gioca una partita ufficiale dal 26 novembre. Dopo l'intervento di "pulizia" per via artroscopica al ginocchio sinistro, il centrocampista tedesco aveva ripreso ad allenarsi proprio nelle settimane precedenti rispetto allo scoppio dell'epidemia. Contro l'Inter era perfino rientrato in panchina, segno di come fosse praticamente pronto per tornare a completa disposizione di Sarri. Poi ci si è messo il Covid-19 a impedire al numero 6 bianconero di riassaporare finalmente il gusto della partita. 

E il classe '87 dovrà attendere circa un mese per poterlo fare di nuovo, ma intanto ieri lo si è rivisto alla Continassa. L'ex Real Madrid scalda i motori e per Sarri è una bella notizia: in un rush finale di stagione come quello che si profila all'orizzonte, contraddistinto da tanti appuntamenti ravvicinati, avere la possibilità di giocarsi una carta come Khedira, sia dall'inizio che a partita in corso, rappresenta un vantaggio importante. Anche perché il calciatore non sarà stanco e logorato dalle fatiche di una lunga annata, ma sostanzialmente riposato e fresco. Ecco allora che si potrebbe ammirare il Khedira visto ad esempio contro il Napoli ad agosto, quando la condizione atletica gli consentiva di correre e di inserirsi in maniera costante. 

Proprio la sua abilità nell'inserimento senza palla in area avversaria è la caratteristica che più è mancata alla Juve di Sarri, che ha avuto pochissimi gol dai propri centrocampisti. Khedira è ancora a caccia del primo stagionale e chissà che non se lo sia tenuto per il momento decisivo dell'annata. Che potrebbe anche essere l'ultima all'ombra della Mole, dato che il contratto che lo lega alla Vecchia Signora scade il 30 giugno 2021. Adesso però è il presente ad avere la precedenza sul futuro.

Presente che Khedira condivide con un certo Cristiano Ronaldo, che ha voluto elogiare durante una diretta Instagram. "Cristiano Ronaldo è un giocatore straordinario e anche una persona fantastica. Ormai gioco con lui da sette anni, cinque al Real Madrid e due alla Juventus. Secondo me lui è uno dei migliori nella storia della calcio per le sue capacità, la sua ambizione: vuole vincere sempre anche in allenamento. È un esempio per tutte le persone e per tutti i calciatori, per quello è uno dei più grandi di sempre. Sono molto felice di potermi allenare con lui".