Dybala in azione contro l'Ajax
Dybala in azione contro l'Ajax

Torino, 18 aprile 2019 - I sorrisi, i volti speranzosi e la voglia di scherzare che contraddistinguevano l'atmosfera in casa Juventus pre Ajax hanno lasciato spazio a una certa malinconia. Il che pare un paradosso, visto che, con ogni probabilità, i bianconeri festeggeranno l'ottavo scudetto di fila sabato contro la Fiorentina (basta un pareggio). Sarà l'ennesimo appuntamento con la storia del calcio italiano, eppure il rammarico per quello che poteva essere e che non è stato in Europa rischia di prendere il sopravvento. Eppure c'è qualcuno che prova a mettersi le spalle quanto accaduto nella brutta, bruttissima serata di martedì scorso.

Dopo Federico Bernardeschi, anche Paulo Dybala, messo k.o. all'intervallo da un guaio fisico, ha utilizzato i social per esprimersi a più di 24 ore di distanza dalla batosta in Champions League. "I capitani (la Joya lo è stato per tutto il primo tempo, ndr) soffrono ancora di più per le sconfitte. Le superano lentamente, in silenzio. Il dolore passerà, ma il bello dello sport è che c’è sempre un altro trofeo, un’altra Coppa, un’altra stagione. Vamos!", scrive l'argentino, che con ogni probabilità dovrà saltare anche l'impegno con la Fiorentina, su Instagram. Instagram dal quale si apprende anche la necessità di Sami Khedira di operarsi.

"Dopo quattro mesi di dolore continuo al ginocchio - alcuni giorni peggio di altri - ho deciso di sottopormi a un intervento chirurgico, per guarire completamente - sottolinea il centrocampista tedesco - L'intervento chirurgico è programmato nelle prossime due settimane. Il mio obiettivo è quello di tornare al 100% per l'inizio della prossima stagione. Non vedo l'ora di lottare per raggiungere di nuovo i nostri obiettivi". Come per Dybala, anche per Khedira l'annata che sta per concludersi non è stata di certo delle più fortunate. Ma se il futuro dell'ex Real Madrid pare ancora a tinte bianconere, lo stesso non si può dire con assoluta certezza per il numero 10.

Da qui in avanti saranno fatte attente riflessioni sull'importanza della Joya nel progetto Juve. Molto ovviamente dipenderà anche da chi siederà sulla panchina della Vecchia Signora: un dubbio che verrà definitivamente sciolto a breve, anche i giochi sembrano già fatti, visto che se sia Max Allegri che Andrea Agnelli hanno dichiarato la volontà di proseguire il rapporto almeno per un'altra stagione. Solo parole di facciata o la pura e semplice verità?