Il momento dell'infortunio di Douglas Costa
Il momento dell'infortunio di Douglas Costa

Torino, 10 febbraio 2020 - La Juventus deve fare i conti con l'ennesimo infortunio stagionale di Douglas Costa. Uscito nel secondo tempo della sfida contro il Verona, il brasiliano si è sottoposto stamani agli esami strumentali, che hanno evidenziato una lesione di basso grado del bicipite femorale della coscia sinistra. "I tempi per il suo completo recupero sono di circa 15-20 giorni", fa sapere il club bianconero. Ciò significa che con ogni probabilità Maurizio Sarri dovrà rinunciare a lui in occasione della gara d'andata degli ottavi di finale di Champions League in programma per il 26 febbraio in casa del Lione. In dubbio anche la sua presenza per lo scontro Scudetto con l'Inter del primo marzo. 

Quel che è certo è che la Vecchia Signora non potrà contare sull'ex Bayern Monaco, titolare in tre delle ultime quattro uscite, contro Milan (andata delle semifinali di Coppa Italia), Brescia e Spal. Una brutta notizia per i campioni d'Italia, che avevano appena ritrovato il loro numero 11, già costretto a saltare 13 gare in questa annata. Sarri e lo staff tecnico stavano cercando di gestirlo in maniera oculata, ma evidentemente la fragilità dei suoi muscoli non permettono a Douglas Costa di scendere in campo con continuità. L'infortunio arriva proprio nel momento in cui il classe '90 stava lavorando per riacquisire la brillantezza che aveva contraddistinto le sue primissime prove stagionali. 

Come oggi, anche allora fu un guaio fisico a tarpare le ali al giocatore, che finora ha collezionato 17 presenze (con due gol e cinque assist). Troppe poche per uno degli elementi su cui Sarri aveva deciso di basare il suo progetto tecnico-tattico. Senza Douglas Costa, l'allenatore bianconero sarà costretto a tornare al 4-3-1-2, dando maggiore spazio ad Aaron Ramsey da trequartistaLe altre ipotesi? Riproporre il tridente pesante con Dybala, Higuain e Ronaldo oppure spostare Juan Cuadrado in una posizione più avanzata, anche se il colombiano sembra aver trovato la sua nuova dimensione nel ruolo di terzino basso. 

Oltre che a livello di campo, lo stop di Douglas Costa potrebbe avere delle ripercussioni anche sul mercato. Già, perché viste le condizioni dell'esterno sudamericano, la sensazione è che la Vecchia Signora sia disposta ad ascoltare e di valutare le offerte che arriveranno nel corso della prossima estate.