Chiellini insieme a Buffon e Bonucci (Ansa)
Chiellini insieme a Buffon e Bonucci (Ansa)

Torino, 14 settembre 2020 - "Abbiamo iniziato da poco con Pirlo: la nuova stagione sarà strana e difficile perché abbiamo vissuto un'estate pazza. Come ogni anno partiamo per vincere, siamo molto fiduciosi e abbiamo tanto da dare. Poi la strada verso il risultato finale è lunga e complicata, ma ci proveremo e siamo ottimisti". A sei giorni dal debutto in campionato, in programma per domenica sera all'Allianz Stadium contro la Sampdoria, Giorgio Chiellini ha buone sensazioni sul cammino che attende la sua Juventus, a caccia del decimo Scudetto consecutivo e di quella Champions League che manca dalla bacheca bianconera dal 1996.

Per inseguire i suoi obiettivi, la società piemontese ha scelto un nuovo condottiero, quell'Andrea Pirlo prima compagno di squadra e adesso allenatore di Chiellini, uno dei leader dello spogliatoio su cui il mister sa di poter fare affidamento. E, dopo una stagione disgraziata a causa della rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro rimediata oltre un anno fa, il capitano della Vecchia Signora punta a dare un contributo sostanzioso ai suoi. "A livello personale l'ultima stagione è stata difficile, è stata la prima volta che mi capitava un infortunio così grave. Stare fuori è dura e l'augurio per la nuova annata è quello di avere una buona salute e di provare a dare una mano in campo - le parole del difensore a Sky Sport - Tornare a giocare con la Nazionale mi ha dato tanto, avevo bisogno di provare certe sensazioni, c'è ancora da togliere un po' di ruggine ma va bene così".

Oltre alla partenza del campionato, in casa Juve in questi giorni tiene banco il tema del nuovo attaccante. Il nome che va per la maggiore è quello di Luis Suarez. "No comment. Ha parlato ieri Pirlo ed è stato ben chiaro lui, non aggiungo altro", la risposta di Chiellini da scafato dirigente, quale dovrebbe diventare al termine di questa annata.