Paulo Dybala (Ansa)
Paulo Dybala (Ansa)

Torino, 16 febbraio 2020 - Missione compiuta per la Juventus, che contro il Brescia (in dieci dal 37' per l'espulsione di Ayé) si impone 2-0. Di Paulo Dybala e Juan Cuadrado le reti decisive che lanciano Madama in solitaria in vetta alla classifica, in attesa del posticipo fra Lazio e Inter. Da segnalare l'infortunio occorso a Miralem Pjanic e il ritorno in campo (per un quarto d'ora) di capitan Giorgio Chiellini, assente dalla prima giornata. 

PJANIC DALLA PANCHINA

Importanti novità nelle fila della Juventus: rispetto a San Siro, Rugani prende il posto di de Ligt, Danilo quello di De Sciglio. Ma soprattuto resta in panchina Pjanic, perché Sarri gli preferisce Bentancur in cabina di regia, con Rabiot e Ramsey ai suoi lati. In attacco invece, assieme a Dybala e Higuain, agisce Cuadrado, confermato da esterno alto. Dall'altra parte Lopez deve rinunciare a Tonali, Torregrossa, Romulo, Joronen e dopo cinque minuti perde anche il secondo portiere Alfonso, sostituito dal terzo Andrenacci. Da segnalare l'esordio di Balotelli all'Allianz Stadium ed è proprio di Super Mario il primo tiro della gara: un calcio di punizione da posizione invitantissima, ma che non spaventa Szczesny.

LA SVOLTA

La Juve è sotto ritmo, spenta e fatica tremendamente a farsi vedere dalle parti di Andrenacci, fatta eccezione per un paio di accelerazioni di Cuadrado neutralizzate dalla difesa delle Rondinelle. Con giocatori come Dybala e Higuain però, alla Vecchia Signora basta poco ad accendersi. La giocata al 32' di Higuain nell'area avversaria serve a liberare il compagno argentino, che tuttavia non inquadra clamorosamente la porta. Poco male per la Joya e per i bianconeri: cinque minuti dopo infatti l'arbitro Chiffi assegna una punizione dal limite, espellendo Ayé per doppia ammonizione. Sul punto si presenta il numero 10, che non lascia scampo all'incolpevole Andrenacci. Il portiere bresciano è invece superlativo al 44' quando dice di no al colpo di testa di Rugani anche grazie alla traversa. 

LA CHIUDE CUADRADO

Al rientro in campo dopo l'intervallo, i campioni d'Italia hanno subito la palla per il raddoppio, ma Sabelli salva i suoi respingendo sulla linea il tiro di Higuain. Altro giro, altra chance per la Juve, con il colpo di testa di Bonucci respinto con il corpo da Andrenacci, Sembra solo questione di tempo perché i ragazzi di Lopez finiscano definitivamente al tappeto. Ma per il 2-0 dei piemontesi bisogna attendere ancora un po', per la precisione il 75': tocca a Cuadrado, smarcato dall'assist di tacco di Matuidi, mettere al sicuro la vittoria, scavalcando Andrenacci con un bel tocco sotto.

RIECCO CHIELLINI

Non solo sorrisi però in casa bianconera, visto che la partita di Pjanic, entrato al 65', dura appena sette minuti, causa un problema all'inguine da valutare. Nel finale c'è spazio per un palo di Bentancur e per una traversa di Dybala, ma soprattutto per il ritorno in campo di Chiellini, salutato dalla standing ovation meritatissima dell'Allianz Stadium.