Max Allegri
Max Allegri

Torino, 26 novembre 2021 - Mettersi alle spalle la sberla rimediata in casa del Chelsea e avvicinare la quarta posizione. Questi gli obiettivi della Juventus per la gara di domani contro l'Atalanta, la rivale apparentemente più pericolosa per la qualificazione alla prossima Champions League. Sotto di quattro lunghezze rispetto alla Dea, la Vecchia Signora ha la chance di portarsi a -1. "Bisogna fare i complimenti all'Atalanta perché sta facendo un ottimo lavoro, ottenendo risultati importanti - dice Massimiliano Allegri in conferenza stampa - Sarà una partita difficile, nella quale servirà attenzione, oltre che giocare bene tecnicamente. Loro sono una squadra molto fisica. Ci vuole grande rispetto, perché sono una solida realtà del nostro campionato. Segnano molto, ma tendono anche a concedere, quindi dovremo essere bravi in entrambe le fasi. Contro le formazioni di Gasperini, che difendono uomo contro uomo a tutto campo, chi è in posizione di centravanti deve agire quasi da regista della squadra e diventa fondamentale". 

"Buon primo tempo a Londra"

Nonostante l'attenzione sia tutta rivolta sul match con l'Atalanta, non si può non parlare ancora del 4-0 incassato a Stamford Bridge. "Dispiace aver perso in quel modo, non va bene per la Juventus fare queste brutte figure. La gara fino al 55' è stata in equilibrio e secondo me la squadra ha fatto un bel primo tempo, migliore di quello disputato a Torino contro il Chelsea. Dopo la seconda rete subita però ci siamo sciolti e questo non deve accadere. L'obiettivo degli ottavi di finale lo abbiamo raggiunto, adesso ci aspetta un mese importante per cercare di restare attaccati e provare a rosicchiare qualche punto a chi ci sta davanti. Domani non è decisiva, ma saranno molto importanti per la stagione le prossime sei sfide prima della conclusione del girone d'andata". 

Dybala titolare

Contro i bergamaschi rientreranno, almeno per la panchina, sia Chiellini che Bernardeschi e Dybala comincerà dal primo minuto. "Chiellini e Bernardeschi hanno lavorato con la squadra e saranno convocati per domani, De Sciglio sarà a disposizione da martedì, Ramsey non è ancora a pronto. Difesa a tre? No, per il momento si va avanti con quella a quattro - sottolinea Allegri - Dybala credo partirà dall'inizio dato che è in buona condizione. Pellegrini o Alex Sandro sulla fascia sinistra? Non ho deciso. Ci sono calciatori che hanno giocato diverse partite. Avere giovani pronti a sostituirli è un vantaggio. Questa Juventus deve avere la tranquillità perché il valore della rosa è ottimo. I ragazzi si stanno impegnando per migliorare la classifica. In questo momento, quello che ci penalizza è la differenza reti che è un dato inconfutabile. Magari da domani segneremo quattro reti a partita, non lo so. I gol nelle gambe li abbiamo, solo che ne abbiamo fatti meno finora". 

Serve pazienza

La Juventus insomma ha reso sotto alle aspettative in questa prima parte di stagione: la strada per costruire un futuro luminoso è ancora lunga. "Quando ho parlato col presidente lui mi ha chiesto di tornare e di lavorare assieme alla società per cercare di far tornare la Juventus a essere sostenibile e a ottenere risultati. Poi vedremo quanto tempo ci vorrà se sarà un anno, sei mesi o due, noi facciamo il possibile perché accada. Era impensabile - conclude Allegri - che la Juventus continuasse a vincere per 20 anni. La squadra ha bisogno di lavorare, ci vuole un attimo di pazienza. Sicuramente potevamo fare meglio, ce lo auguravamo". 

Leggi anche: Sorteggio playoff Mondiali, dove vederlo