Arthur
Arthur

Torino, 28 maggio 2020 - C'è chi dice di no alla Vecchia Signora. E' Arthur, che non sembra saperne di accettare di entrare nel maxi affare fra Juventus e Barcellona, che dovrebbe portare Miralem Pjanic (e probabilmente pure Mattia De Sciglio) a vestirsi di blaugrana a partire dalla prossima stagione. Nonostante l'interesse dei bianconeri inorgoglisca il centrocampista classe'96, questi non sarebbe per nulla intenzionato a salutare la Catalogna, essendo convinto di poter ricoprire un ruolo importante nel Barcellona che verrà. In questa annata, il brasiliano ha comunque collezionato un buon bottino in quanto a presenze: 23, di cui 14 da titolare. 

Peccato però che il club di Josep Maria Bartomeu non sia proprio dello stesso parere. Non a caso, i dirigenti blaugrana stanno spingendo perché il ragazzo ci ripensi e dia il proprio assenso al trasferimento. I quotidiani iberici, nello specifico il Mundo Deportivo, riporta come il padre di Arthur abbia già comunicato a Fabio Paratici il definitivo "no grazie" e al Barcellona il desiderio del figlio di non muoversi. Un bel grattacapo insomma per le due società, che stanno lavorando da tempo all'operazione. I catalani non vorrebbero perdere Pjanic, nel quale hanno individuato come il prossimo metronomo di centrocampo e con il quale l'accordo è già stato raggiunto. 

In casa Juve invece, non dovesse arrivare Arthur, è pronto il piano B, che conduca a Jorginho, pretoriano di Maurizio Sarri. L'italo-brasiliano tornerebbe volentieri in serie A e nello specifico a essere allenato nuovamente dal tecnico che lo ha lanciato ai tempi di Napoli e poi lo ha richiesto una volta sedutosi sulla panchina del Chelsea. Che valga il detto "non c'è due senza tre"?