Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri

Torino, 15 aprile 2019 - Chiellini e Mandzukic out, tutti gli altri recuperati. Contro l'Ajax, Massimiliano Allegri dovrà rinunciare a due colonne di questi anni della Juventus ed ecco che il futuro diventa presente: spazio a Rugani in difesa e forse a Kean in attacco, anche se il ballottaggio con Dybala non è ancora del tutto risolto in favore del classe 2000. Il dubbio, come confermato dal tecnico della Vecchia Signora, andrà avanti almeno fino a domattina. "Infortunati? Chiellini e Mandzukic non ce la fanno: Mario ha un problema al tendine rotuleo. Oggi ha provato, ma è stato costretto a fermarsi. Dybala o Kean al posto di Mario? Può darsi uno dei due, ma può darsi anche nessuno. In quest'ultimo caso giocherebbero contemporaneamente De Sciglio e Cancelo", racconta Allegri nella conferenza stampa di vigilia.

"Rispetto ad Amsterdam dovremo fare meglio in fase di costruzione come esecuzione di passaggi e velocità. Poi bisogna avere grande rispetto dell'Ajax: in fase di possesso sono molto bravi, come hanno dimostrato all'andata e in generale in tutte le gare della stagione - continua l'allenatore bianconero - Fra l'altro nelle trasferte europee di quest'anno non hanno ancora perso, quindi domani speriamo che sia la volta buona per no. Sarà un match infinito, perché anche all'80', a prescindere dal risultato, potrà succedere di tutto. Occorrerà essere bravi a capire i momenti della partita. Ci sarà bisogno di tutti, anche dei tifosi, perché si può raggiungere un grande traguardo, per spingere i ragazzi a qualcosa di importante".

Possibilità di vedere dall'inizio Douglas Costa? "No, perché dopo Amsterdam ha avuto un problema al polpaccio e non è nelle migliori condizioni. Speriamo che nella rifinitura mi dia garanzie per averlo almeno mezz'ora. Perché anche per mezz'ora o un quarto d'ora diventa determinante - il pensiero di Allegri - Sicuramente ci sarà Emre Can. Cristiano Ronaldo? Sta sicuramente meglio dal punto di vista fisico rispetto all'andata. Cristiano ha una qualità straordinaria: diventa un altro giocatore al momento della partita. Fortunatamente ce l'abbiamo noi".

Infine una battuta sulle polemiche nate dopo la formazione schierata a Ferrara contro la Spal. "Mi dispiace perché mi è sembrata una grande mancanza di rispetto per chi è sceso in campo. Noi fra l'altro avevamo nove Nazionali titolari più Kastanos, che non è un giocatore di serie C. L'unico ragazzo era Gozzi, che è stato il migliore dei nostri".