Boris Johnson accanto a sua moglie (Ansa)
Boris Johnson accanto a sua moglie (Ansa)

Londra, 14 luglio 2021 - Il razzismo continua ad essere un grave problema nel mondo del calcio e Boris Johnson ha deciso di rispondere con il pugno duro. Il Primo Ministro inglese promuoverà una nuova legge che vieterà l'ingresso allo stadio ai tifosi che si macchieranno di abusi razzisti online. La finale degli Europei ha lasciato strascichi importanti in Inghilterra: la sconfitta ai rigori contro l'Italia ha provocato un'ondata di odio razziale da parte di alcuni supporters dei Tre Leoni, che hanno attaccato duramente tre calciatori in particolare.

Marcus Rashford, Bakary Saka e Jadon Sancho sono stati presi di mira sui rispettivi profili social a causa dei rigori falliti durante l'ultimo atto di Euro 2020. Quanto accaduto sul prato di Wembley ha dunque fatto emergere nuovamente i problemi di razzismo che attanagliano il mondo del pallone, ma stavolta il Governo inglese ha deciso di reagire con il Daspo. Verrà dunque ascoltata la petizione online che era stata firmata da oltre un milione di persone.

Leggi anche: Donnarumma saluta il Milan