Joao Mario
Joao Mario

Milano, 4 luglio 2021 - Joao Mario rischia di diventare un intrigo portoghese. Il trequartista ha giocato l'ultima stagione allo Sporting Lisbona, che però non dovrebbe riscattarlo, così si è inserito il Benfica ma dall'altra sponda si parla di una clausola vincolante che rischia di portare tutti in tribunale. Inter e Benfica si dicono tranquille.

Clausola anti-Benfica

Secondo i media portoghesi sarebbe stato raggiunto un accordo tra Inter e Benfica sulla cessione di Joao Mario: sono 7.5 milioni di euro al club nerazzurro, al giocatore un contratto di cinque anni da 2 milioni di euro. Tutto fatto. Ci possono essere ostacoli? In teoria sì. Lo Sporting avrebbe in mano una clausola 'anti Benfica', cioè nel caso in cui arrivasse una proposta all'Inter i primi ad dover ricevere informazioni sono proprio i lusitani. Una sorta di corsia preferenziale per poter rispondere o meno con una nuova offerta. Dall'altro lato in Portogallo sono convinti che una volta scaduta la clausola l'Inter possa cedere Joao Mario a chiunque voglia. Non è finita, perché lo Sporting medita vendetta e ritiene che la clausola sia una sorta di 'anti Benfica', ovvero con la possibilità di ricevere una somma cospicua in denaro nel caso in cui Joao Mario vestisse la maglia rossa degli uomini di Jorge Jesus. Intrigo internazionale, ma l'Inter spera di incassare una buona plusvalenza.

Dumfires costa almeno 20 milioni

 

Da ieri in Olanda è salita alla ribalta la pista Dumfries, esterno del Psv della scuderia Raiola, come sostituto di Achraf Hakimi. L'Inter lo segue, ci sono conferme, ma mentre in Olanda sostengono che praticamente sia fatta, dall'Italia esce una situazione diversa. Dumfries costerebbe 20/25 milioni di euro, cifra ritenuta inaccessibile per l'Inter, che contestualmente lavorerebbe ad un prestito con obbligo di riscatto. Per questo motivo le piste Zappacosta e Bellerin sono tuttora in essere e non da escludere.

Leggi anche - Euro 2020, ecco quando si giocano le semifinali