La gioia dell'Italia under 21 dopo i gol all'Irlanda
La gioia dell'Italia under 21 dopo i gol all'Irlanda

Pisa, 13 ottobre 2020 - L'Italia under 21 batte l'Irlanda per 2-0 nella sfida valida per le qualificazioni agli Europei 2021 di Ungheria e Slovenia. In campo a Pisa, in realtà, scende una formazione particolare per sopperire alle assenze dovute al Coronavirus che già avevano fatto saltare il match contro l'Islanda. E' infatti l'Under 20 rinforzata dal trio Tonali, Cutrone, Ricci e Sottil a portare a casa i tre punti che permettono l'aggancio in classifica degli irlandesi, ma con una partita in meno. 

Il primo tempo è fortemente condizionato dalle reciproche difficoltà: gli azzurri vedono inserire elementi in attacco non abituati a giocare con la selezione guidata da Alberto Bollini e fanno fatica a trovare un'intesa, gli irlandesi dopo undici mesi che non giocano insieme non trovano le giuste misure in campo e commettono moltissimi errori. E' Riccardo Sottil, schierato a sorpresa nel ruolo di seconda punta, l'uomo più pericoloso: al 28' con una punizione tagliata sul fronte sinistro d'attacco azzurra che non trova Cutrone pronto al tap-in vincente sul secondo palo, a difesa ospite completamente immobile; poi al 36' con un sinistro che sorvola la traversa dopo un'azione caparbia del giocatore del Cagliari.

Proprio quest'ultimo si rifà  7' più tardi quando, dopo una giocata molto intelligente di Frabotta, trova l'angolo lontano indifeso da Bazunu. L'Irlanda si era fatta viva solo all'8' con un sinistro di poco fuori di Ronan, e con un cross tagliente di Leahy al 34' non raccolto da nessun compagno di squadra. 

Ad inizio ripresa Bollini schiera subito Portanova passando al 4-3-3. E' però l'Irlanda a sfiorare il pareggio al 58' quando su una punizione di Ronan proprio il neo entrato deve salvare sulla linea di porta sfiorando quasi l'autorete. Al 62' è di nuovo Sottil ad accendere i suoi con una discesa irresistibile sulla destra che trova Cutrone pronto per il tocco del due a zero. 

La formazione irlandese potrebbe riaprire la gara tre minuti più tardi quando Elbouzedi in area si trova solo a battere a rete ma Cerofolini gli devia la conclusione sull'esterno della rete. Ad un quarto d'ora dalla fine il ct ospite Crawford inserisce contemporaneamente tre elementi freschi dalla propria panchina ma senza avere gli effetti sperati. Così al triplice fischio finale l'Italia può esultare dalla vetta del girone.