Roberto Mancini
Roberto Mancini

Roma, 11 novembre 2021 - Barella sì, Belotti forse. Sono queste le ultime indicazioni di formazione in vista di Italia-Svizzera di domani sera. A spiegare lo stato dell'arte è direttamente Roberto Mancini. "Belotti ha chance di giocare. L'ho visto bene, fisicamente non sarà al 100% perché viene da un infortunio serio. Magari non ha i 90 minuti, ma se riesce a fare gol nei primi 60/65 minuti sarebbe meglio. Barella sta bene, ieri si è allenato e credo domani possa essere in campo - spiega il commissario tecnico in conferenza stampa -. Ci dispiace per Immobile e Chiellini, ma questa situazione vale un po' per tutte le Nazionali. Gli infortuni possono essere un po' di più in questa fase. Ma noi dobbiamo restare tranquilli". 

Immobile ko in Nazionale, Lotito: "Prima di partire stava bene". La replica del medico

Effetto Olimpico

E' questo il mantra che l'allenatore jesino va ripetendo in questi giorni di avvicinamento a una sfida decisiva in ottica Qatar 2022. "A prescindere da chi scenderà in campo, sono convinto che giocheremo bene. I ragazzi sono concentrati, ma non bisogna avere ansia: serve invece essere allegri, perché giocare è la cosa più bella che si possa fare". Mancini prova insomma a trasmettere messaggi positivi, anche nell'ottica di giocare allo stadio Olimpico, che inevitabilmente non può che riportare alla mente nel notti magiche di Euro 2020. "La situazione è sempre molto bella, abbiamo giocato qui tre gare dell'Europeo e il pubblico ci ha sempre sostenuto. Domani sarà la stessa cosa: ci darà una grande spinta". 

Qui Svizzera

Come l'Italia, anche la Svizzera deve fare i conti con diverse defezioni. "E' un momento della stagione dove tutte le Nazionali hanno problemi, compresa la Svizzera. Non so se cambieranno modulo o qualche giocatore, ma a prescindere da questo sono una squadra difficile da affrontare. Giocano un ottimo calcio da diversi anni - sottolinea Mancini - Ma noi dobbiamo fare la nostra partita e il nostro gioco. Loro daranno il massimo, esattamente come noi...". 

Pioli: "Nazionale? In futuro, non ora"