Italy's head coach Roberto Mancini shouts instructions to his players from the touchline during the FIFA World Cup 2022 round one Group C qualification football match between Northern Ireland and Italy at Windsor Park in Belfast, Northern Ireland on November 15, 2021. (Photo by Paul Faith / AFP)
Italy's head coach Roberto Mancini shouts instructions to his players from the touchline during the FIFA World Cup 2022 round one Group C qualification football match between Northern Ireland and Italy at Windsor Park in Belfast, Northern Ireland on November 15, 2021. (Photo by Paul Faith / AFP)

Belfast, 15 novembre 2021 - "Avremmo dovuto chiudere il girone prima di questa partita". Afferma così Roberto Mancini, Commissario Tecnico di un'Italia che neanche quattro mesi fa vinceva l'Europeo e ora sarà costretta a partecipare ai playoff per staccare il ticket per i Mondiali del Qatar del 2022. L'allenatore della Nazionale ha parlato a caldo alla stampa dopo aver richiamato tutti i suoi giocatori nello spogliatoio, a seguito il pareggio per 0-0 maturato contro l'Irlanda del Nord; questo risultato è coinciso con la vittoria della Svizzera contro la Bulgaria, che ha regalato agli elvetici la qualificazione diretta al prossimo Mondiale.

Le pagelle di Paolo Franci

Italia ai playoff. Quali nazionali giocano gli spareggi. Quando il sorteggio

Mancini: "Dovremo farci trovare pronti a marzo"

È un Roberto Mancini provato quello che ha parlato ai microfoni della Rai nel post-partita di Irlanda del Nord-Italia: "È un momento dove fatichiamo a segnare. Abbiamo avuto molte occasioni nel primo tempo ed è un peccato non essere passati direttamente". Sull'innesto di qualche nuovo calciatore nella rosa degli Azzurri, Mancini non si è sbilanciato: "Ora dobbiamo solo ritrovare quello che ci ha contraddistinto fino ad oggi".

Sono tanti i rimpianti, soprattutto guardando indietro nel tempo: "Avremmo potuto vincere tranquillamente con la Bulgaria, così come con la Svizzera contro la quale abbiamo sciupato due rigori. Questo girone lo avremmo dovuto chiudere prima. Sono fiducioso per marzo: andremo al Mondiale e magari lo vinceremo anche, chi lo sa".

Leggi anche: Genoa, firmata la cessione. Chi è il nuovo presidente