Bonucci e Magennis (Ansa)
Bonucci e Magennis (Ansa)

Roma, 15 novembre 2021 - L'Italia non va oltre lo 0 a 0 con l'Irlanda del Nord e manca la qualificazione diretta ai Mondiali Qatar 2022. Per gli azzurri ora ci sono i play off di marzo. La Svizzera invece battendo per 4-0 la Bulgaria si qualifica col sorpasso al primo posto del girone sull'Italia.

Playoff Mondiali: come funzionano. Quando è il sorteggio e gli scenari per l'Italia

Italia ai Mondiali, adesso rischiamo CR7 e la Svezia di Ibra

Le pagelle di Paolo Franci

Donnarumma 6,5. 

Si guarda la partita per un tempo intero ma nella ripresa Seville spara a colpo sicuro e lui piazza la gran parata. 

Di Lorenzo 6,5. 

Coraggioso, intraprendente, deciso. Non è un caso che la prima grande occasione da gol la confezioni lui. Qualità e ritmo. 

Bonucci 6,5. 

Difende quel poco che c’è da difendere e soprattutto, interpreta il ruolo di regista con una continuità, una calma e una precisione che meriterebbero miglior sorte là davanti, soprattutto su quei lanci precisi. 

Acerbi 6. 

Fa il suo là dietro. 

Emerson 6. 

Continuo nel lavoro di appoggio ma non riesce mai a piazzare l’uno due giusto. 

Tonali 5,5. 

Non se la gioca male, ma quell’ammonizione dopo 9 minuti pesa sul suo rendimento. Contro la Svizzera si era mostrato più coraggioso e pronto a prendere l’iniziativa. 

Jorginho 5. 

Che non fosse in un gran momento di forma si era capito. Poi quel maledetto rigore non può non averlo segnato in negativo. 

Barella 5. 

Meglio rispetto alla Svizzera, soprattutto nel pressing. Non si risparmia, corre, pressa e si dispera per i tentativi di imbucata che svaniscono per un soffio. Nulla da dire sulla quantità, molto sulla qualità.

Berardi 6. 

Ci mette l’anima, il magico sinistro in qualche giocata e la grinta giusta.

Insigne 5,5. 

Si danna e corre per due, inventando anche la palla gol di Di Lorenzo, ma anche lui non riesce a superare la ghigliottina verde. 

Chiesa 5. 

Serviva il Chiesa che salta l’uomo e lui non ci riesce praticamente mai. 

Cristante 5. 

Fisicità e capacità geometriche che non cambiano l’inerzia della gara. 

Belotti 5. 

Il Mancio lo butta dentro per l’ultima mezz’ora. Servirebbe un suo maledetto gol, anzi due, ma s’era visto anche con la Svizzera che ancora non c’è.

Locatelli 5.

Non brilla. 

Bernardeschi 5. 

Poca roba. 

Scamacca sv.

CT Mancini 5,5. 

La mossa del falso nove non paga, pur in mezzo ai macchinosi giganti verdi. Fa tutte le mosse possibili e forse puntare su Scamacca rispetto a Belotti sul cambio poteva essere un’idea. Incredibile il solo pensare che siamo agli spareggi dopo aver vinto l’Europeo quattro mesi fa. Paga le assenze pesanti, questo è chiaro ma il girone non era certo proibitivo.