Alberico Evani, ct dell'Italia nella notte del 4-0 all'Estonia (Ansa)
Alberico Evani, ct dell'Italia nella notte del 4-0 all'Estonia (Ansa)

Firenze, 11 novembre 2020 - Non c'è Roberto Mancini, fermato dal Covid-19, ma c'è Alberico Evani, che guida l'Italia nell'amichevole contro l'Estonia. Il 4-0 finale porta la firma di Grifo, che trova i suoi primi gol in azzurro, inframezzati dalla conclusione vincente di Bernardeschi, rifinita dal secondo rigore di giornata, trasformato da Orsolini: ottime notizie per il CT (e il suo vice) in vista del match contro la Polonia, in programma domenica 15 novembre alle 20.45, che dirà tanto sul destino della Nazionale in Nations League.

Leggi anche - Napoli, ricorso respinto: resta il 3-0 a tavolino contro la Juventus

Il primo tempo

I ritmi sono bassi fino al 14', quando Grifo trova il suo primo gol azzurro trafiggendo Meerits con un gran destro al volo dalla distanza: da segnalare nell'azione il lancio di Bastoni e l'aggancio orientato di Lasagna. La rete trovata alla prima occasione creata non cambia il canovaccio del match: all'Italia il possesso palla, all'Estonia il compito di arroccarsi in difesa. Difesa che cade ancora al 27': il marcatore è Bernardeschi, che si accentra e calcia dal limite beffando sul suo palo un Meerits non proprio privo di colpe. Gli ospiti soffrono ma dopo appena un giro di lancette vanno a un passo dal riaprire il match con Liivak, il cui tiro-cross diventa pericoloso dopo una deviazione e si schianta sul palo. Gli azzurri si riaffacciano in attacco al 31', quando Di Lorenzo cerca la conclusione da fuori: il pallone termina di poco fuori.

Il secondo tempo

Come da previsioni, a farla da padrone nella ripresa è la girandola delle sostituzioni: Evani inserisce i debuttanti Pessina, Pellegri e Pellegrini per Tonali, Lasagna ed Emerson Palmieri, ma anche Orsolini per Bernardeschi. Succede poco o nulla fino al 74', quando Gagliardini viene atterrato in area di rigore: l'arbitro Obrenovic concede il penalty, che è trasformato da Grifo con una gran conclusione a incrociare che spiazza Meerits. Evani attinge ancora dalla panchina: i prescelti sono Calabria ed El Shaarawy, che rimpiazzano D'Ambrosio e appunto Grifo, man of the match. L'impatto migliore ce l'ha Orsolini, che prima si rende pericoloso trovando però la replica della difesa estone e poi all'85' guadagna il secondo rigore di giornata: è proprio lui a incaricarsi della battuta e ancora una volta Meerits è battuto, con il risultato finale che si fissa su un ottimo 4-0 in favore dell'Italia.

Italia-Estonia 4-0, il tabellino

ITALIA (4-3-3): Sirigu; Di Lorenzo, D'Ambrosio (35' st Calabria), Bastoni, Emerson (27' st Pellegrini Lu.); Soriano, Tonali (1' st Pessina), Gagliardini; Bernardeschi (27' st Orsolini), Lasagna (27' st Pellegri), Grifo (35' st El Shaarawy). A disp.: Cragno, Meret, Locatelli, Jorginho, Ferrari, Bonucci. Allenatore: Evani.

ESTONIA (4-2-3-1): Meerits; Teniste (1' st Lilander), Baranov, Mets, Pikk (33' st Jarvelaid); Ainsalu (1' st Tunjov), Soomets; Liivak, Miller (14' st Sorga), Marin (1' st Tur); Sappinen (14' st Lepik). A disp.: Hein, Igonen, Kuusk, Tamm, Anier, Sinyavskiy. Allenatore: Voolaid.

Arbitro: Obrenovic (Slovenia).

Reti: 14' pt Grifo, 27' pt Bernardeschi, 30' st Grifo (rig.), 41' st Orsolini (rig.).

Note: serata serena, terreno in buone condizioni. Ammoniti: D'Ambrosio, Tunjov, Lepik. Angoli: 7-4. Recupero: 0' pt, 3' st.