Nicolo Barella esulta dopo aver realizzato il gol 0-1 (Lapresse)
Nicolo Barella esulta dopo aver realizzato il gol 0-1 (Lapresse)

Reggio Emilia, 22 giugno 2019 – L’Italia fa il suo dovere e vince al Mapei Stadium. Barella la sblocca nel primo tempo, Cutrone firma il 2-0 ad inizia ripresa. Il Belgio reagisce e accorcia le distanze con Verschaeren, ma Chiesa con una perla realizza il 3-1 finale. Espulso Mbenza durante il recupero per doppia ammonizione. Gli Azzurrini chiudono al secondo posto del girone per via della differenza reti favorevole alla Spagna, la quale in contemporanea abbatte la Polonia con un netto 5-0 al Dall’Ara.

Rabbia Di Biagio: "Passare il turno? Piccolissime percentuali"

BARELLA ALLO SCADERE – In questa partita decisiva Di Biagio sceglie di affidarsi a Locatelli in mezzo al campo, Cutrone unica punta sostenuto da Chiesa. Cambiano i terzini, dentro Pezzella e Calabresi. Il Belgio si schiera con il 4-3-3, con de Wolf in porta e Saelemaekers e Lukebakio in avanti. Gli Azzurrini partono a mille all’ora e Barella sfiora il gol di testa allo scoccare del minuto 7, dopo un cross millimetrico di Pezzella dalla sinistra. I belgi rispondono con Lukebakio, che lanciato in contropiede impegna Meret al primo riflesso della sua partita. La gara è tesa ed equilibrata. Chiesa ci prova dal centro-destra, ma la sua conclusione potente finisce alta sopra la traversa. Al 21’ Pellegrini cerca il jolly con una punizione dai 30 metri, ma l’esito è simile. E’ Barella a sbloccare il match al 43’: il centrocampista cagliaritano raccoglie una spizzata aerea di Pellegrini, calcia di controbalzo ma trova la risposta di De Wolf, sulla ribattuta è ancora lui il più reattivo, riuscendo stavolta a trovare il secondo palo con il mancino e siglare l’1-0. Si chiude così il primo tempo.

VITTORIA AGRODOLCE – Gli Azzurrini ripartono con il piglio giusto. Pellegrini taglia con il suo cross tutta l’area di rigore, pescando la testa di Cutrone che al 52’ realizza il 2-0 indirizzando alla perfezione la sfera sul secondo palo alla sinistra di de Wolf. Gli uomini di Di Biagio continuano a dominare l’incontro. L’occasione del 3-0 capita sui piedi di Locatelli, che all’altezza del dischetto del rigore non riesce a centrare la porta. Un minuto dopo sale in cattedra il portiere belga, che sventa prima su Mandragora e poi su Cutrone in uscita. La partita cala di ritmo fino al 78’, quando Verschaeren rientra sul destro e dal limite dell’area batte un incolpevole Meret, infilando il pallone all’incrocio dei pali. Nonostante abbia accorciato il divario, il Belgio non riesce a rendersi pericoloso, ed è anzi l’Italia a mantenere maggiormente il possesso del pallone negli ultimi scampoli di match. All’86’ Mancini colpisce il palo di testa sugli sviluppi di un corner, ma è Chiesa a mettere a segno il gol del k.o. Il guardalinee alza la bandierina ma il VAR corregge ed assegna la rete del 3-1 agli azzurrini. C’è ancora il tempo per assistere all’espulsione di Mbenza per doppia ammonizione durante il recupero, ma è l’ultima emozione della gara.

Di Biagio e i suoi dovranno attendere le sfide degli altri gironi, in particolare Francia e Romania che pareggiando finirebbero prima e miglior seconda, eliminando tutte le altre.

Risultati terza giornata

Spagna-Polonia 5-0

Belgio-Italia 1-3

Classifica: Spagna 6, Italia 6, Polonia 6, Belgio 0.

 

Mondiali di calcio femminile, il tabellone degli ottavi. Italia contro Cina