Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
1 giu 2022

Italia-Argentina 0-3, notte fonda per gli azzurri nella Finalissima

Trofeo ai sudamericani, che dominano in lungo e in largo nella serata dell'addio alla Nazionale di Chiellini: a segno Lautaro, Di Maria e Dybala

1 giu 2022
giusy anna maria d'alessio
Sport
Argentina's striker Lautaro Martinez (L) shoots to score the opening goal of the 'Finalissima' International friendly football match between Italy and Argentina at Wembley Stadium in London on June 1, 2022. - The Azzurri face the South American continental champions in the inaugural Finalissima at Wembley. (Photo by Adrian DENNIS / AFP)
Martinez supera Donnarumma (Ansa)
Argentina's striker Lautaro Martinez (L) shoots to score the opening goal of the 'Finalissima' International friendly football match between Italy and Argentina at Wembley Stadium in London on June 1, 2022. - The Azzurri face the South American continental champions in the inaugural Finalissima at Wembley. (Photo by Adrian DENNIS / AFP)
Martinez supera Donnarumma (Ansa)

Londra, 1 giugno 2022 - L'annus horribilis dell'Italia prosegue e trova conferma anche nella Finalissima 2022, la sfida tra coloro che un'estate fa festeggiavano i successi all'Europeo e alla Copa America: per gli azzurri sembrano passati però secoli dal trionfo contro l'Inghilterra proprio a Wembley, dove a vincere stavolta è l'Argentina di Lautaro Martinez, Di Maria e Dybala, i marcatori di un dominio nettissimo nel quale Messi non riesce a scrivere il suo nome solo grazie ai riflessi di Donnarumma, compagno di squadra al Paris Saint-Germain. La Pulce può comunque consolarsi con il successo dei suoi, mentre l'addio di Chiellini dalla Nazionale è amaro: così come un 2022 finora nerissimo.

Nations League 2022: Italia-Germania in diretta. Formazioni e tv

Italia-Germania: a Bologna l'esordio in Nations League 2022

Primo tempo

Al 2' Di Maria prova a beffare Donnarumma con un mancino dall'altezza del centrocampo: l'idea è geniale, ma la mira è leggermente imprecisa. Al 7' non va molto meglio a Messi, che da calcio di punizione centra in pieno la barriera degli azzurri, che si affacciano nell'area argentina per la prima volta al 12', quando una percussione di Jorginho alimenta il destro di Raspadori, facile preda di Martinez. Al 21' proprio la punta del Sassuolo da piazzato pesca la testa di Belotti, la cui traiettoria è troppo morbida per impensierire Martinez: al 24' il copione si ripete e stavolta Raspadori fa tutto da solo, trovando prima la ribattuta della barriera e poi quella della retroguardia argentina. Al 26' si vede finalmente Messi, che con un mancino da fuori area trova solo il corpo di Bonucci: al 28' il numero 10, dopo aver sollecitato i riflessi di Donnarumma dal cuore dell'area, si traveste da assistman e, dopo aver mandato al bar Di Lorenzo, apparecchia per il tap-in vincente di Lautaro Martinez. L'Italia prova la reazione immediata con la sventola di Barella: Martinez, stavolta Emiliano, si rifugia in corner. I ritmi del match calano fino al recupero, quando al 46' Di Maria raddoppia con un pregevole pallonetto che beffa Donnarumma dopo una trama condotta dai due Martinez, con Lautaro implacabile prima nel duello con Bonucci e poi nell'imbucata per il giocatore che a breve potrebbe raggiungerlo alla Juventus.

Secondo tempo

Le difficoltà di Bonucci continuano anche all'alba della ripresa, quando un suo goffo retropassaggio costringe Donnarumma alla scivolata sulla linea di porta per evitare l'autorete. Tra i volti nuovi gettati nella mischia da Mancini c'è Locatelli (fuori Bernardeschi), che al 59' impegna Martinez con un destro precedentemente deviato da Rodriguez. Sul ribaltamento Di Maria sfiora il tris con una conclusione a giro sulla quale Donnarumma è letteralmente miracoloso: il duello si ripropone poco dopo ed è vinto ancora dal portiere azzurro, che non si fa sorprendere dalla volée mancina del numero 11 dagli sviluppi di un corner battuto da Messi. Al 64' quest'ultimo, dopo una leggerezza difensiva di Emerson Palmieri, serve Lo Celso, che all'altezza del secondo palo grazia l'Italia. Messi si mette poi in proprio e per ben tre volte nel giro di pochi minuti impegna Donnarumma: il numero 10 al 74' ci riprova da punizione, ma la mira è leggermente alta. All'81' Di Maria vince il duello in velocità con Jorginho e pesca Lo Celso, murato dal neo entrato Bastoni (fuori Emerson Palmieri). Anche Scaloni cambia qualcosa e inserisce Alvarez per Lautaro e il neo entrato all'87' sfiora il gol da centrocampo: ancora una volta Donnarumma deve fare gli straordinari prima di capitolare ancora al 94', quando Dybala, subentrato a Lo Celso, piazza la sfera nell'angolino a coronamento di una grande ripartenza dei suoi, che si aggiudicano con pieno merito la Finalissima.

Rivivi la diretta

Italia-Argentina: la 'Finalissima' anticipa un inverno a casa (di Paolo Franci)

Nations League 2022, partite Italia: quando sono e dove vederle in tv. Il calendario

Leggi anche: Milan, da Berlusconi a Cardinale. Tutti i presidenti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?