Javier Zanetti
Javier Zanetti

Milano, 9 novembre 2021 – Fiducia in Simone Inzaghi e confortati dalla prestazione nel derby. Il vice presidente dell’Inter Javier Zanetti ha parlato due giorni dopo la stracittadina dai microfoni di Radio Deejay, trovando punti da cui ripartire nonostante il distacco dalla vetta sia rimasto di sette punti. Buona partita nerazzurra contro il Milan, con il rammarico per il rigore sbagliato da Lautaro, ma anche un finale in calando con i rossoneri vicini al colpo grosso. L’analisi di Zanetti.

Tornati alle 6 da Tiraspol

L’Inter è arrivata al derby al termine di una settimana intensa, c’è stata infatti la trasferta di Tiraspol, vinta con ampio merito e che ha portato i nerazzurri al secondo posto, ma anche con fatica e viaggi visto che il ritorno a Milano è stato alle 6 del mattino seguente: “Siamo tornati a casa alle 6 da Tiraspol e c’era da preparare il derby – le parole di Zanetti – I ragazzi hanno affrontato molto bene la partita, la prestazione c’è stata e sono arrivate anche tante occasioni da gol contro una grande come il Milan”. C’è stato un calo nel finale, fisiologico per il vice presidente: “Il Milan è primo meritatamente ed è stato un bel derby. Il calo fisico finale è normale perché per 80 minuti abbiamo cercato di vincere e quando non ci riesci qualcosa concedi. Guardiamo avanti con fiducia”. Poi c’è il lavoro di Simone Inzaghi, chiamato a difendere uno Scudetto vinto nettamente da Antonio Conte, il tutto senza Lukaku e Hakimi ma con Dzeko, Calhanoglu e Dumfries in più, Zanetti è soddisfatto: “Conte ha fatto un lavoro straordinario, siamo arrivati secondi e primi, senza dimenticare la finale di Europa League. Inzaghi sta proseguendo il lavoro e i ragazzi lo seguono. Basta vedere le prestazioni, ci sono sempre state”.

Leggi anche - Napoli, con l'Inter sfida doppia: in ballo Insigne