Arturo Vidal
Arturo Vidal

Milano, 20 settembre 2020 – Avrà una sua fine stasera, quando sbarcherà a Milano, la telenovela Arturo Vidal. Il mediano cileno è pronto a firmare il suo nuovo contratto con l’Inter, al termine di una attesa durata un anno quando già l’anno scorso Antonio Conte aveva provato a chiedere alla dirigenza di prelevare il suo fedelissimo di centrocampo. Ma ora, sistemato il tassello Diego Godin in uscita, l’Inter può far sbarcare Vidal a Milano per le visite e la firma sul contratto.

ACCORDO TOTALE - L’accordo il club nerazzurro lo aveva trovato sia con il Barcellona, piccolo corrispettivo economico, sia con il giocatore. Vidal è pronto a vestirsi di nerazzurro grazie ad un contratto biennale con opzione da 6 milioni di euro a stagione e prendersi un ruolo di primo piano nello scacchiere di Conte, con la necessità di trasmettere alla truppa il suo dna vincente. L’inseguimento a Vidal è stato lungo ma ora è terminato e tocca al cileno dare al tecnico quantità, inserimenti e gol, cioè esattamente quello che ha fatto alla Juve nel triennio 2011-2014. Il matrimonio si farà, anche grazie all’uscita di Diego Godin diretto a Cagliari. Stasera Vidal arriverà a Milano, domani firmerà il contratto.

BARTOMEU E LAUTARO – Da Barcellona invece si continua a parlare della trattativa, che sembra sfumata, per Lautaro Martinez. Il toro argentino dovrebbe rinnovare il contratto con l’Inter raddoppiando il suo ingaggio, mentre la pista Barcellona si è raffreddata a causa del Covid e del fatto che, per ora, Luis Suarez è ancora un giocatore blaugrana. Proprio di questo ha parlato il presidente dei catalani Jordi Bartomeu prima del Trofeo Gamper: “Lautaro? Non parlo di giocatori precisi, ma il Barcellona ha meno entrate come molti club. Mancano risorse importanti e dobbiamo adattarci, tra l’altro c’è il fair play finanziario. Senza una cessione non c’è spazio per acquisti”. E Luis Suarez che dalla Spagna hanno accostato all’Inter? “Ha ancora un contratto valido con noi ed è uno dei giocatori più importanti del club”. Tradotto, almeno fino a gennaio potrebbe restare.