Matias Vecino (Ansa)
Matias Vecino (Ansa)

Milano, 13 agosto 2020 - L'Inter potrebbe salutare presto Matias Vecino e Sebastiano Esposito. Il primo potrebbe lasciare i nerazzurri in via definitiva, mentre per il secondo è previsto un prestito annuale. Il centrocampista uruguagio è stato fortemente richiesto da Marco Giampaolo al Torino. Il nuovo tecnico granata è a caccia di un giocatore fisico ma con tempi di inserimento e Vecino rappresenta l'identikit giusto per il suo gioco. I nerazzurri vorrebbero incassare tra i 20 e i 25 milioni di euro, cifra ritenuta troppo elevata dal Toro. Ecco che dunque Antonio Conte potrebbe richiedere a Beppe Marotta Armando Izzo, difensore che si sposerebbe alla perfezione con la difesa a tre dell'allenatore leccese. Il Torino preferirebbe effettuare uno scambio alla pari, ma l'Inter ritiene il valore di mercato di Izzo inferiore ai 25 milioni di euro. La trattativa andrà avanti nei prossimi giorni.

Completamente diversa la situazione di Esposito. Il giovane talento è ancora acerbo e Marotta vorrebbe mandarlo a giocare in prestito in un club di Serie A che abbia un progetto valido e un sistema di gioco collaudato. Crotone, Genoa, Bologna e Parma hanno dimostrato interesse per il ragazzo, che sceglierà la sua prossima squadra insieme alla società nerazzurra, così da poter tornare maturo alla base tra dodici mesi.

HAKIMI, SVELATA LA CLAUSOLA - L'Inter ha ormai definito da diverse settimane il trasferimento di Achraf Hakimi, terzino classe '98 che arriverà dal Real Madrid. La cifra che i nerazzurri verseranno nelle casse dei Blancos è pari a 40 milioni di euro più bonus. Nel contratto esiste una clausola, che si pensava potesse favorire il ritorno del calciatore a Madrid nel caso in cui la sua avventura a Milano lo consacrasse. In realtà le cose non stanno così, poiché il Real potrà semplicemente avere il diritto di pareggiare l'eventuale offerta per il trasferimento che un altro club inoltrerà all'Inter in futuro. Il terzino sarà completamente di proprietà dei milanesi, che avranno al 100% in mano il cartellino del marocchino.