Steven Zhang
Steven Zhang

Milano, 26 febbraio 2021 – Suning a caccia di liquidità. Le voci riguardanti la possibile cessione del 25% del pacchetto azionario della cassa del colosso cinese, ovvero Suning.com, sono arrivate fino in Italia e l’intenzione della famiglia Zhang sembrerebbe finalizzata a reperire liquidità per dare sollievo all’ultimo asset sportivo, quello più importante, cioè l’Inter.

200 milioni per finire la stagione

Il diktat di Suning è chiaro: disfarsi degli asset non graditi al governo cinese. Basta investimenti nello sport, lo Jiangsu è in vendita a un centesimo, l’Inter a un miliardo di euro ma l’offerta di Bc Partners si ferma a 750 milioni. Si continua a trattare. Considerando però che le tempistiche si stanno allungando, Steven Zhang pensa di chiudere la stagione e provare a regalare, sotto il marchio Suning, lo Scudetto all’Inter. Per farlo saranno necessari circa 200 milioni per adempiere alle scadenze tra stipendi e rate per l’acquisto di calciatori in modo tale da evitare sanzioni Uefa. Ecco allora che dalla cessione del 20-25% di Suning.com potrebbe arrivare una cifra vicina al miliardo, utile ai Zhang per evitare noiose turbolenze.

La cessione di Suning.com non riguarda l’Inter

La costola che i Zhang vorrebbero cedere non sarebbe legata a filo diretto con l’Inter, pur facendo parte della galassia dei proprietari del club nerazzurro. La controllante dell’Inter, al 68%, è Suning Holdings Group, partecipe in Suning.com, società che secondo il quotidiano China Daily è la seconda più ricca della Cina tra i privati, la prima se si considera la categoria della vendita al dettaglio su Internet. Per questo motivo una cessione del 20% di Suning.com non dovrebbe comportare un cambio di proprietà dell’Inter che dunque potrebbe continuare a trattare la cessione delle quote di maggioranza con Bc Partners, con cui i contatti sono ancora attivi. Di certo, la famiglia Zhang non oltre giugno vorrà probabilmente uscire dal calcio dopo le indicazioni restrittive del governo cinese. Le soluzioni? Cedere ora oppure arrivare fino a fine stagione con un prestito ponte.

Inter, cinque positivi al Covid: nessun calciatore