Inter-Sheriff
Inter-Sheriff

Milano, 19 ottobre 2021 – Torna prepotentemente in lotta per la qualificazione agli ottavi l’Inter di Simone Inzaghi. Il successo per tre a uno sullo Sheriff porta i nerazzurri a quota quattro punti, a sole due lunghezze dalle rivali e con il match a Tiraspol da sfruttare. Dzeko, Vidal e de Vrji firmano la vittoria dopo il pari momentaneo di Thill a inizio secondo tempo.

Apre Dzeko

Simone Inzaghi sceglie Lautaro e Dzeko come coppia offensiva, ma c’è la sorpresa Vidal a centrocampo, Sheriff con Felipe, Castaneda e Traore L’Inter fa la partita, ma lo Sheriff si conferma squadra da non sottovalutare. Gli ospiti giocano a memoria in ripartenza e corrono come ossessi e per un paio di volte si presentano pericolosamente dalle parti di Handanovic pur senza vere occasionissime da gol. La superiorità tecnica dei padroni di casa è comunque tangibile e al 16’ arriva la prima occasione con una ripartenza guidata da Dzeko e assistita per Dumfries, ma l’ultimo controllo è deficitario. Ancora Inter un minuto dopo, Barella trova i tempi giusti per l’apertura verso Lautaro, poi irrompe Dzeko ma il portiere mura tutto in uscita. Nerazzurri maggiormente in controllo, purtroppo c’è un Dumfries impreciso negli ultimi dieci metri. Il gol è comunque nell’aria, a maggior ragione quando Dimarco sfiora l’incrocio su punizione defilata con Celiadnic che usa il classico colpo di reni per deviare in corner. Dicevamo della rete vicina, infatti arriva al 35’ dall’angolo successivo grazie alla sponda di Vidal e alla splendida volèe di Dzeko, palla nel sette e 1-0. C’è tempo anche per un destro di Perisic che Celiadnic devia da campione in angolo. E lo Sheriff? Un sinistro di Cristiano che Handanovic gestisce bene. All’intervallo l’1-0 sta stretto.

 

Thill pareggia, con Vidal passa la paura

 

La ripresa si apre con una doccia fredda, ovvero il pareggio dello Sheriff. Punizione dai 25 metri di Thill che trova un Handanovic forse poco reattivo per evitare la rete, 1-1. Poteva essere una mazzata, invece l’Inter reagisce da grande squadra e con forte veemenza, complice anche l’innesto di Bastoni per Dimarco. Dumfries manca un piatto sinistra da buona posizione, poi Perisic scaglia un sinistro ravvicinato sul palo. La reazione è forte e al 58’ il bosniaco illumina l’inserimento di Vidal per il mancino vincente, 2-1. L’Inter non si ferma più e al 67’ mette in ghiaccio la sfida con la sponda di Dumfries per la mezza volèe di de Vrji sugli sviluppi di un corner, 3-1. La partita fila via liscia mentre il Real demolisce in Ucraina lo Shaktar, riaprendo totalmente le sorti del girone. Inzaghi getta nella mischia anche il redivivo Sanchez per i minuti finali, in cui c’è tempo per una traversa di Lautaro ma poco importa: l’Inter vince e si rilancia a quota 4, 2 punti dietro Sheriff e Real. Il girone è aperto, anzi apertissimo.