L'esultanza di Antonio Conte
L'esultanza di Antonio Conte

Milano, 26 aprile 2021 – La vittoria sul Verona grazie ad un gol nel secondo tempo di Matteo Darmian ha consegnato all’Inter il 95% dello Scudetto. L’esultanza di Antonio Conte con la squadra al gol del laterale è stata spiegata così: ‘E’ una vittoria che non vale 3 punti ma 9’. In effetti, la tredicesima vittoria consecutiva in casa rilancia l’Inter dopo i due pareggi con Napoli e Spezia e, con ogni probabilità, può consegnare la matematica festa tra il 2 e il 9 maggio.

Serie A live: Torino-Napoli e Lazio-Milan

Con sei punti è Scudetto, ma potrebbero bastarne meno


Le prossime due partite possono regalare la matematica, infatti se l’Inter vincesse contro Crotone e Sampdoria il 9 maggio ci sarebbe la certezza del Tricolore (che manca da 11 anni). Con sei punti in due gare non ci sarebbe più nulla da fare per Milan, Atalanta e Juventus che sarebbero staccate di più di 9 punti con tre giornate da giocare. In realtà, lo Scudetto potrebbe arrivare anche il 2 maggio se si incastrassero determinati risultati, vediamoli. L’Inter gioca sabato contro il Crotone e in caso di vittoria potrebbe arrivare lo Scudetto con questi risultati: il Milan non dovrebbe fare sei punti tra stasera e il Benevento mentre il Sassuolo dovrebbe fermare l’Atalanta al Mapei Stadium. Insomma, Scudetto al 95% (Conte dixit) e tra Crotone e Sampdoria in qualche modo dovrebbe arrivare.

 

Conte: ‘Vorrei continuare’

 


C’è poi il tema legato al futuro, di cui si parlerà con l’arrivo del presidente Zhang che sarà a Milano nei giorni che verosimilmente vorranno dire Scudetto. Ieri il tecnico Antonio Conte ha espresso parole chiare sulla sua intenzione di restare, ma ovviamente prima dovrà esserci un colloquio con proprietà e dirigenza per comprendere meglio i futuri piani societari: “Mi piacerebbe continuare il lavoro iniziato due anni fa – le parole di Conte – Per me ripartire da zero è sempre faticoso, continuando con questo gruppo, che sa già cosa chiedo, sarebbe meglio. A bocce ferme valuteremo il da farsi in maniera molto serena”. Sul piatto il futuro societario (Suning cederà o resterà?) ma soprattutto i possibili investimenti per migliorare la rosa in ottica Champions League.

Leggi anche - La Fiorentina ferma ancora la Juve: 1-1