Radja Nainggolan
Radja Nainggolan

Milano, 10 febbraio 2019 – Passata la paura, chiuso il mercato, l’Inter è apparsa più tranquilla a Parma e immediatamente sono ritornati i tre punti. Alla guarigione definitiva manca ancora tanto, ma fermare l’emorragia per Spalletti e compagnia è stato importante. Di questo e di altro ha parlato Radja Nainggolan a Dazn.

VITTORIA MERITATA – Si parte dal successo del Tardini, per Radja meritato: “Abbiamo conquistato tre punti importanti – ha affermato – Siamo riusciti a giocare la palla con maggior tranquillità e abbiamo creato diverse occasioni da rete. Il successo è meritato, potevamo andare in vantaggio nel primo tempo e nei primi venti minuti di ripresa abbiamo giocato in attacco. Si può essere soddisfatti di risultato e prestazione e ora dobbiamo continuare così”. Si riparte giovedì con il Rapid Vienna in Europa League.

TESTA MENO TRANQUILLA – Ma cosa ha reso l’Inter l’ombra di se stessa a gennaio? Per Nainggolan la poca tranquillità derivata da voci di mercato e rumors vari: “Forse la testa non era così tranquilla e quando i risultati non arrivano si aggiungono anche le critiche. Il mercato fa parte del calcio e ogni anno è la stessa storia, i giocatori vengono trattati ed entrano in alcune situazioni visto l’interesse di altri club. Però ieri la squadra voleva vincere e si è visto, ora possiamo solo crescere sotto tanti aspetti”.

CRESCO DI FORMA – Anche lo stesso Nainggolan ha beneficiato di una nuova tranquillità, forse frutto anche di una condizione fisica in crescendo dopo tante difficoltà e acciacchi: “Per prima cosa ho saltato la preparazione, poi ho avuto un paio di infortuni e situazioni interne di cui è meglio non parlare. Alla fine abbiamo deciso di fare un percorso di comune accordo con società e tecnico e penso di essermi comportato bene. Ora posso ripagare la fiducia di tutti anche grazie ad una forma fisica migliore”. E considerando che l'Inter ha sacrificato Zaniolo per Nainggolan, per l'Inter riavere il vero Ninja è indispensabile.